coppia abbracciata

Proteggi i tuoi denti!

Per pochi giorni il check up è in omaggio!

APPROFITTANE ORA

Cos'è l'endodonzia

Cos'è l'endodonzia
Che cos'è l'endodonzia in parole semplici? Quando è necessaria?

Cominciamo questo articolo con il significato di endodonzia; solitamente si usano infatti espressioni diverse per indicare la stessa procedura dentale: endodonzia, trattamento del canale radicolare, trattamento o rimozione della polpa dentale, apertura di camera e pulpectomia (in dentatura temporanea), senza dimenticare l'espressione colloquiale "uccisione dei nervi".

L' endodonzia è un trattamento che si svolge all'interno delle radici dei denti dove si trova la polpa del dente (popolarmente conosciuta come "nervo"). L'accesso a questa parte si ha aprendo una cavità all'interno del dente che passa attraverso lo smalto e la dentina fino a raggiungere la camera che contiene la polpa (camera della polpa). Questo ci consente di visualizzare l'ingresso dei condotti in ciascuna delle radici. All'interno della radice c'è un condotto attraverso il quale scorre la polpa dentale.

Ma come funziona il trattamento del canale radicolare? Scopriamolo!

Nel ramo dell'endodonzia si inseriscono tutti gli interventi di rimozione totale della polpa dentale malata e il successivo riempimento di detto spazio usando un materiale di riempimento che sigillerà la cavità per crearne una impenetrabile. Un trattamento endodontico viene eseguito in presenza di pulpite irreversibile. Sebbene le indicazioni principali siano la rottura o la frattura dei denti (vicino alla polpa), la carie principale è la pulpite.

Ma cos'è la polpa dentale? La polpa dentale è un tessuto connettivo o riempitivo molto ricco di vasi e nervi, alloggiato nello spazio più interno del dente o della camera pulpare. È uno spazio ermetico e rigido senza possibilità di espansione. Nel caso in cui vi sia un processo infiammatorio-infettivo che colpisce il paziente, questo provocherà un intenso dolore a causa di un compromesso di quel tessuto all'interno di una cavità rigida e molto probabilmente porterà a lesioni irreversibili se prolungato nel tempo.

Endodonzia: quali sono i passaggi

La procedura richiede un'alta preparazione da parte del professionista e diverse sessioni. Viene eseguita nella maggior parte delle consultazioni odontoiatriche generali, anche se ci sono casi complicati che vengono indirizzati ad esperti in questo tipo di trattamento (endodontisti). In realtà un'endodonzia è uno dei trattamenti più complicati che si possono incontrare. Una precedente esplorazione del dente e una radiografia iniziale sono essenziali per verificare il numero di radici. Questo dente ha, oltre alla sua forma, la sua curvatura e la sua lunghezza, l'integrità della radice e lo stato dell'apice. Tutti i condotti devono essere trattati. Pertanto, è più costoso e laborioso un trattamento di endodonzia di un molare (con tre canali) rispetto a quello, per esempio, di un incisivo (con un solo canale).

- Primo passaggio: iniziamo con un potente anestetico per procedere all'apertura del dente creando una grande cavità che ci consente di accedere all'interno delle radici e rimuovere il nervo

- Pulizia dei condotti: dopo aver lasciato i condotti puliti, mettiamo un batuffolo di cotone impregnato di un antisettico-antinfiammatorio e lasciamo un riempimento provvisorio fino alla sessione successiva, che si terrà pochi giorni dopo

- Preparazione del canale: comporta la rimozione dei resti della polpa e la preparazione e l'allargamento del canale per il riempimento della sessione successiva

- Otturazione e/o posizionamento definitivo della corona: viene eseguita introducendo un riempimento chiamato guttaperca adattato alla lunghezza della radice che deve sigillare completamente l'apice del dente e occupare l'intero canale. È un materiale che occuperà lo spazio occupato dalla polpa dentale malata e ha lo scopo di isolare e sigillare il condotto.

Endodonzia per il trattamento della pulpite

Ci sono molte cause che possono portare ad una malattia della polpa (pulpite) e possono essere classificate in tre gruppi principali:

- batterica
Questo tipo di infezione è in particolare associata a una carie dentale evoluta

- fisica

- infiammatoria. In quest'ultimo caso, il trattamento si rende necessario soprattutto a causa di materiali di tenuta deteriorati o scarsamente sigillati.

La pulpite è una delle "emergenze" dentali più dolorose, che richiede l'immediata apertura del dente per alleviare i sintomi di compressione che il paziente nota. È considerato uno dei dolori più intensi. Se si interviene prima che il tessuto diventi necrotico, la situazione potrebbe essere reversibile, ma se si evolve, porterà a morte irreversibile o necrosi (comunemente chiamata morte nervosa) e in tal caso, bisogna necessariamente procedere con la riparazione della parte interessata, tramite trattamento endodontico. Segnali di avvertimento di una possibile pulpite in modo da poterle rilevare in tempo sono disagio dovuto al freddo o al calore, dolore quando occluso al dente dell'antagonista e dolore lieve ma continuo. La tua polpa dentale ti avverte che è malata!

Endodonzia: cosa devi assolutamente sapere per non farti trovare impreparato

Come accennato all'inizio dell'articolo, l'endodonzia racchiude tutte quelle operazioni che prevedono la rimozione totale della polpa dentale malata e il successivo riempimento di detto spazio con un materiale di riempimento che sigillerà la cavità per creare una cavità impenetrabile.

Le principali indicazioni per l'endodonzia sono, quindi, i denti fratturati (con esposizione o vicinanza alla polpa), carie profonde e pulpite. Disagio dovuto al freddo o al calore, dolore quando occluso al dente dell'antagonista e dolore lieve ma continuo sono invece alcuni dei segni principali che dovrebbero avvisarci e metterci sull'attenti per una possibile pulpite.
Endodonzia