coppia abbracciata

Check up dei denti in omaggio!

Ritrova il sorriso con Dentalpharma!

MAGGIORI INFO

Allungamento corona dente

Allungamento corona dente
Alcuni processi patologici dentali o le corone cliniche corte con limiti subgengivali o infraossei possono essere causate da problematiche come carie, fratture dentali o alterazione dell’eruzione passiva. Ci sono diverse cause che le producono, le più frequenti sono la carie, le fratture dentali e l'alterazione dell'eruzione passiva. Le ragioni della sua correzione sono di solito protesiche, sebbene spesso siano ragioni estetiche che portano il paziente alle nostre consultazioni. L'insieme di manovre chirurgiche volte alla sua correzione è chiamato "tecnica di allungamento corona dente". In questo articolo analizzeremo i principi morfologici e biologici che regolano il suo aggiustamento, i suoi limiti, nonché le manovre chirurgiche che si devono eseguire. D'altra parte, viviamo in una società in cui l'estetica è sempre più rilevante. Ciò costringe l'odontoiatria moderna ad essere ogni giorno più esigente nella presentazione del proprio lavoro al paziente anche perché gli interventi chirurgici sul fronte anteriore vengono eseguiti più frequentemente, esclusivamente a fini estetici.

La tecnica di allungamento della corona

Quando si parla della tecnica di allungamento corona dente si fa riferimento a una procedura chirurgica, inclusa nella chirurgia del lembo parodontale, che consiste nel rimuovere la gengiva e l'osso per creare una corona clinica più lunga e spostare il margine gengivale. L'obiettivo di questo intervento chirurgico è risolvere il problema delle cosiddette corone cliniche corte (CCC), senza alterare lo spazio biologico di inserzione. La diagnosi o la valutazione di una corona clinica corta non dovrebbe essere solo visiva, ma dovrebbe essere supportata da un attento esame clinico, radiografie e modelli di studio correttamente montati.

Le ragioni del trattamento del CCC sono generalmente riparative o protesiche, sebbene a volte possano essere puramente estetiche. D'altra parte, nelle aree interprossimali posteriori, la carie si estende spesso in modo apicale, richiedendo tecniche chirurgiche che ci consentono di accedere ai suoi margini più apicali per il successo del trattamento riparativo. La collocazione del margine di restauro su una struttura dentale sana è di grande importanza per garantire una prognosi favorevole. Allo stesso modo, la ritenzione di una corona e la forma di resistenza sono strettamente correlate alla lunghezza della corona, al grado di convergenza assiale della parete, all'area e alla trama della superficie assiale, nonché ai meccanismi di ritenzione intracoronarica che usiamo. Quando proviamo a raggiungere una maggiore lunghezza clinica della corona stabilendo una linea di terminazione subgengivale che invade direttamente la larghezza biologica, con il nostro taglio possiamo causare l’infiammazione cronica del parodonto, perdita ossea alveolare, recessione gengivale e formazione di una tasca parodontale.

Basi anatomiche applicate all'allungamento coronarico

Il nostro obiettivo è di spostare il margine gengivale in modo apicale attraverso metodi chirurgici per l’allungamento corona dente nel rispetto dello spazio di inserimento biologico. Per raggiungere questo obiettivo, sarà necessaria una conoscenza dettagliata dell'anatomia o della morfologia del parodonto coronale, nonché del suo comportamento biologico. L’allungamento della corona dente clinica è in sostanza un intervento chirurgico che serve a ristabilire una migliore proporzione tra dente e tessuto osseo e gengivale a scopo sia terapeutico che estetico.

In molti pazienti alcuni denti o tutti potrebbero apparire troppo corti. In realtà la loro lunghezza è normale ma la parte visibile di questi denti risulta ridotta in quanto coperta in modo eccessivo da osso e gengiva. Ad esempio in caso di denti compromessi da traumi, carie o dalla malattia parodontale si dovrà agire con una ricostruzione protesica degli elementi così da ottenerne il recupero. Queste ricostruzioni che vanno dall’incapsulamento dentale fino al ponte, necessitano a loro volta di una superficie dentale visibile che sia sufficientemente estesa affinché trovino un appoggio per la loro realizzazione. In quei pazienti che presentano del tessuto osseo-gengivale in eccesso rispetto alla parte visibile del dente sarà indispensabile intervenire con un trattamento di allungamento della corona clinica fino al raggiungimento di questi obiettivi terapeutici. L’allungamento corona dente serve a lasciarsi alle spalle il cosiddetto sorriso gengivale che può essere vissuto dai pazienti anche come un vero e proprio problema estetico. In questo caso bisognerà ricorrere alla soluzione di allungamento corona dente così da ristabilire un nuovo equilibrio tra denti e superficie gengivale.

Allungamento corona dentale clinica: come si realizza l'intervento

Stiamo parlando di una tipologia di intervento di chirurgia plastica che consente di rimodellare il contorno osseo e gengivale. Mediante l’apertura chirurgica del lembo gengivale si potrà eliminare la quantità di tessuto osseo necessario e poi si potrà ricontornare il tessuto gengivale intorno alla corona. L’allungamento corona dente può essere applicato a un singolo dente oppure all’intera arcata dentaria così da aumentare la superficie dentale esposta e ottenere dei benefici estetici di lunga durata. Di soltio comunque l’allungamento corona dente clinica è una procedura che viene applicata in alcune specifiche circostanze come la carie sottogengivale, la frattura della corona estesa al margine della cresta alveolare, l’eruzione passiva e la ritenzione protesica. Insomma, basterà confrontarsi con il proprio dentista per trovare una soluzione in tempi brevi.
Allungamento corona dente