coppia abbracciata

Proteggi i tuoi denti!

Per pochi giorni il check up è in omaggio!

APPROFITTANE ORA

Retrusione mandibolare

Retrusione mandibolare
I movimenti effettuati dalla mandibola sono molteplici e tra loro possiamo nominare movimenti di apertura e chiusura, lateralità, protrusione (avanti) e retrusione (indietro). Questi movimenti vengono eseguiti mediante movimenti rotatori e traslatori che compiono una traiettoria attraverso il condilo mandibolare e gli incisivi, rispettivamente guida condilare e guida incisivo, con una precedente discesa mandibolare. Il movimento di apertura e chiusura è diviso in due fasi. La prima fase consiste in un movimento rotatorio dei condili mandibolari fino alla separazione dei denti superiori e inferiori. Successivamente, la seconda fase è un movimento di traslazione, quando una volta che la mascella si apre di circa 26 mm. Nei prossimi paragrafi vedremo di capire che cosa si intende per retrusione mandibolare e quali sono i trattamenti per la correzione mandibola retrusa.

Retrusione mascellare: in cosa consiste

Il movimento di protrusione mandibolare consiste nel movimento della mandibola dalla posizione di massimo contatto tra i denti superiori e inferiori (posizione di massima intercuspidazione) e si sposta in avanti. Durante questo movimento le mole non entrano in contatto. La posizione finale ottenuta viene utilizzata per tagliare determinati alimenti per poi essere trasferiti al settore posteriore per essere schiacciati dai molari. Il movimento di retrusione mandibolare è quindi il movimento che va dalla posizione di massimo contatto tra i denti superiori e inferiori (posizione di massima intercuspidazione), all'indietro. Per quanto riguarda i movimenti laterali il lato verso cui è diretta la mandibola è chiamato lato di lavoro mentre l’altro viene detto “lato non lavorativo”. Durante questo movimento, la mandibola si sposta da un lato, mentre il condilo mandibolare dal lato opposto esegue un movimento di traslazione in avanti, in basso e verso l'interno. È molto interessante conoscere i diversi movimenti che compie la mandibola poiché la presenza di sintomi di dolore o rumori durante l'esecuzione di questi può essere indice di qualche patologia articolare o mandibolare. Queste patologie devono essere diagnosticate e trattate da specialisti in occlusione e articolazione temporo-mandibolare.

Mandibola retrusa sintomi

La retrusione è un concetto derivato dalla parola latina retrusio che indica una spinta o un impulso all'indietro. La retrusione mandibolare quindi è un movimento o uno spostamento in questo senso. La retrusione mandibolare comporta la proiezione all'indietro della mascella inferiore. L'opposto è la protrusione, con la mascella inferiore che si muove in avanti. Con la retrusione mandibolare, il punto di massimo contatto tra i denti superiori e inferiori viene spostato indietro. Questo movimento è piuttosto limitato negli uomini a differenza di quanto avviene nei roditori e in altre specie. È importante ricordare che la retrusione mandibolare e il resto dei movimenti della mandibola non devono generare rumore o causare dolore. Se si verificano queste situazioni è probabile che l'individuo soffra di qualche tipo di patologia che richiede diagnosi e trattamento. La retrusione mandibolare impiega la porzione posteriore della cavità articolare. Questo movimento è garantito da fasci posteriori del muscolo temporale, dai fasci posteriori del muscolo massetere e dalla porzione posteriore del digastrico. Occorre inoltre precisare che esistono valori accettati dalla medicina, sia per la retrusione che per la protrusione, per cui se la mandibola di un paziente presenta una posizione oltre questi limiti si certifica l’esistenza di un problema. Si stima che la crescita del volto dovrebbe essere coerente con quella della statura. In questo modo la mandibola deve essere progressivamente allargata per mantenere una posizione relativa costante.

Correzione mandibola retrusa

Ma la mandibola retrusa si può curare? La retrusione mandibolare è tra le più comuni nei pazienti in crescita. Circa l’80% delle classi II scheletriche dipende infatti da una componente di retrusione mandibolare. Emerge quindi la necessità di un trattamento funzionale volto a stimolare la crescita mandibolare correggendo insieme al rapporto occlusale anche il profilo convesso. L’efficacia del trattamento dipende da diversi fattori tra cui il momento per l’inizio della terapia. Bisogna anche dire che la retrusione mandibolare riguarda qualcosa come l’80% dei pazienti di Classe II caucasici. Quindi in ben 8 pazienti su 10 il problema maggiore da risolvere è proprio la retrusione mandibolare. La definizione di un programma di trattamento dovrà quindi mirare a stimolare una quota di sviluppo aggiuntivo della mandibola. Inoltre se la mascella non si è sviluppata correttamente, le mascelle possono disallinearsi, una condizione nota come retrognazia mandibolare.

Questo provoca un danno estetico che può essere anche funzionale: per correggerlo si può ricorrere a un intervento di retrusione mandibolare. In questo caso la dimensione della mascella è troppo piccola rispetto a quanto previsto dall'altezza del paziente. In generale, altre alterazioni sono associate a questo problema, come nell'articolazione temporomandibolare. Per quanto riguarda le origini della retrognazia mandibolare di solito è legata a problemi genetici. Per questo motivo durante tutto lo sviluppo della storia medica è necessario dare uno sguardo alla storia familiare, per rilevare lo stesso problema in un parente stretto. Come accennato in precedenza, il trattamento richiede un intervento chirurgico. Poiché si tratta di un problema scheletrico l'intervento chirurgico deve essere osseo, sebbene ci sia più di un'opzione. Se si desidera trattare solo la mascella è possibile spostarla fino a raggiungere la posizione corretta. L'alternativa è muovere sia la mascella superiore che quella inferiore, un intervento chiamato bimascellare.
Retrusione mandibolare