coppia abbracciata

Prenditi cura dei tuoi denti!

Per te, check up immediato e senza impegno!

SCOPRI DI PIÙ

Cemento provvisorio per denti

Cemento provvisorio per denti
In alcune situazioni il dentista dovrà valutare di utilizzare il cemento provvisorio per denti così da fissare in modo temporaneo ponti, corone, capsule e denti a perno in caso di possibili distacchi accidentali. Chiaramente la cosa migliore in caso di problemi o distacchi sarebbe sempre andare dal proprio dentista per ricevere assistenza professionale immediata, solo che non sempre questo è possibile. Con un cemento provvisorio per denti si potranno ottenere dei buoni risultati in pochi minuti senza compromettere il successivo intervento del dentista. La sua formulazione a base di ossifosfato di zinco consente di fissare in pochi minuti le protesi staccate dal loro moncone in attesa dell’appuntamento con lo specialista. Nei prossimi paragrafi cercheremo di capire qualcosa in più su come funziona il cemento provvisorio per denti e in quali occasioni si dovrà utilizzare.

Cementazione provvisoria per denti: modalità d’uso

La durata pasta provvisoria dente non è troppo lunga, questo vuol dire che il cemento provvisorio per denti non potrà essere usato come una soluzione definitiva. Per utilizzare al meglio il cemento provvisorio per denti si consiglia di eliminare con cura eventuali residui di materiale dall’interno della capsula utilizzando un oggetto molto appuntito. In seguito dopo aver utilizzato la pasta per denti provvisori si dovrà completare la pulizia con del cotone idrofilo imbevuto di alcol. Si consiglia poi di porre il rotolino di cotone esattamente tra gengiva e guancia in prossimità del dente o del perno su cui dovrà essere effettuato il fissaggio. Quando si usa il cemento provvisorio per denti si dovrà controllare quale sia il giusto verso della capsula così da posizionarla in modo corretto sul dente. Si dovrà aprire il barattolo del cemento provvisorio per denti e aggiungere tutto il liquido per poi mescolare e ottenere un composto omogeneo. Questo composto si dovrebbe indurire entro un paio di minuti, anche per questo con il cemento provvisorio per denti sarà necessario procedere molto rapidamente. Nel caso avessimo un dente a perno il composto dovrà essere applicato direttamente sul perno.

Si dovrà togliere il rotolino di cotone precedentemente inserito tra la guancia e la gengiva e porlo poi sopra la capsula fissata. Dopo l’uso della pasta per denti provvisori si dovranno serrare i denti per circa cinque minuti. A fissaggio avvenuto si dovrà eliminare l’eccesso di composto fuoriuscito dalla capsula. Il fissaggio del cemento comunque non elimina le cause che hanno provocato la caduta, anche per questo dopo aver utilizzato il cemento provvisorio per i denti si consiglia sempre di rivolgersi al proprio dentista di fiducia. Il composto ottenuto sarà sufficiente a fissare fino a quattro capsule in una sola seduta e dovrà essere conservato in un luogo fresco e asciutto. Il dentista saprà anche come togliere pasta provvisoria dente e sarà quindi la persona giusta con cui relazionarsi per avere supporto.

Cemento provvisorio per denti: i vantaggi

Una giornata o un weekend può essere rovinato a causa di un impianto che si stacca o una corona provvisoria decementata. Per questo esistono diversi tipi di cementi per corone provvisorie che possono essere usate per sistemare momentaneamente la situazione e le loro indicazioni d’uso cambiano molto di caso in caso. Il cemento provvisorio per denti all’eugenolo non è consigliato in quanto interferisce con l’adesione perché penetra nei tubuli dentinali e non consente all’adesivo di agire nel modo corretto. In più l’eugenolo rende il cemento provvisorio per denti molto meno consistente e, se deborda, ha sempre un gusto sgradevole. E’ anche risaputo che l’eugenolo ha un effetto sedativo ma molti preferiscono usare un cemento provvisorio per denti di lunga durata a base resinosa per il fissaggio di un restauro provvisorio. Per sapere se il caffè si può bere con dente con pasta provvisoria si raccomanda di leggere le istruzioni e di domandare al proprio dentista. Se un restauro provvisorio deve restare in bocca per più di due settimane sarà essenziale utilizzare un cemento provvisorio per denti che sigilli i margini e che non sia solubile con la saliva, cosa che invece accade con il cemento provvisorio per dente di breve durata. Nel caso in cui il paziente fosse in partenza per una vacanza sarà essenziale mantenere il sigillo marginale. Spesso il dentista procede con la rimozione della vecchia corona e la ribasa con la resina in modo da usarla come restauro provvisorio.

Quando si riadatta una protesi fissa si consiglia quindi di utilizzare un cemento provvisorio per denti a lunga durata in quanto il restauro non è preciso e ci sarà sempre bisogno di qualcosa di resistente per riempire gli spazi vuoti. Sappiamo bene quali danni derivano dal serrare i denti per la struttura dentale nel suo complesso e anche comportamenti come mordicchiare le unghie e mordere le matite andrebbero evitati. Tali forze eccessive infatti potrebbero causare danni molto seri in caso di cemento provvisorio per denti in resina. Anche per questo si consiglia di utilizzare un cemento provvisorio per denti più resistente e di maggior durata.
Cemento provvisorio per denti