coppia abbracciata

Prenditi cura dei tuoi denti!

Per te, check up immediato e senza impegno!

SCOPRI DI PIÙ

Protesi dentaria calamitata

Protesi dentaria calamitata
La migliore soddisfazione nella vita di un professionista è quella di ricercare e sviluppare una procedura o un sistema di successo. La protesi dentaria calamitata è un dispositivo che consente di migliorare e assistere nel mantenimento di protesi totali in pazienti edentuli che hanno avuto un qualche tipo di rigetto a causa della mancanza di osso o dell'età avanzata. Per molti pazienti le protesi dentarie con calamite hanno rappresentato una valida soluzione e oggi sono moltissimi i dentisti che ne consigliano l’utilizzo. Qualche anno fa conducendo uno studio di ricerca sulla possibilità di posizionare magneti rotondi negli apparecchi ortodontici per ottenere l'intrusione e l'estrusione dei denti, gli specialisti si sono accorti che i magneti potevano essere inseriti in protesi totali. Finora la soluzione per i pazienti edentuli è stata il posizionamento di impianti completi con varie metodiche, ma quando il paziente non ha abbastanza osso per sostenere l'impianto o subisce un rigetto, il dentista potrebbe proporre una protesi dentaria con calamita per risolvere il problema in modo diretto.

Protesi dentaria calamitata: cosa sapere

Le protesi dentarie con calamita con magneti posti in una certa posizione consentono al paziente di ottenere un valido aiuto nella masticazione del cibo e nel linguaggio quotidiano. Molti sono i pazienti che finiscono per indossare quello completo per svolgere una funzione estetica e che, quando vanno a mangiare, si tolgono le protesi. Il successo di ogni caso si ottiene effettuando uno studio meticoloso dello spazio e delle distanze disponibili delle forze repulsive per il posizionamento dei magneti. La protesi dentaria calamitata deve avere la corretta dimensione verticale in quanto i magneti devono inserirsi all'interno della protesi e sotto i denti acrilici. Le protesi devono essere nuove, non devono avere nessun tipo di rinforzo o griglie metalliche ed è consigliabile che siano realizzate con acrilico antiurto con rinforzi in plastica di ultima generazione. Devono articolarsi perfettamente con movimenti di lateralità protrusivi e non avere alcun tipo di interferenza occlusale. Il montaggio viene effettuato in articolatore a tre punti e viene progettato il posizionamento dei magneti. Le misure del magnete sono lunghe 15 mm, larghe 3 mm, alte 3 mm e devono essere posizionate sotto i molari e i premolari a livello del collo, a circa 5 mm dalla cuspide più alta. I magneti della protesi superiore devono essere posizionati davanti a quelli inferiori di circa 5 mm. Questa posizione dei magneti permette alla parte superiore di premere verso l'alto e adattarsi meglio al palato, e a quella inferiore di premere in basso. È molto importante che i magneti siano posizionati in questa posizione poiché un loro errato posizionamento potrebbe produrre una pressione eccessiva o scarsa sulle gengive, o movimenti laterali indesiderati. I magneti sono realizzati con un materiale di terre rare e sono protetti o incapsulati. Questi magneti della protesi dentaria calamitata hanno un grande potere di attrazione e repulsione che permette loro di essere nascosti all'interno della protesi e di assolvere alla funzione estetica.

Protesi dentarie con calamita quanto dura

La durata della protesi dentaria calamitata dipende da molti fattori diversi e anche dalla manutenzione da parte del paziente. Nella fase di posizionamento dei magneti si fa un taglio nella protesi superiore sotto il primo premolare, fino al primo molare, e nella protesi inferiore, sotto la metà distale del secondo premolare fino al secondo molare. Questi spazi devono essere paralleli tra la protesi superiore e quella inferiore per permettere che le forze repulsive dei magneti siano uguali. Bisogna anche tenere presente che i magneti della protesi dentaria calamitata devono inserirsi molto strettamente negli spazi ritagliati in modo che non abbiano alcun movimento di ribaltamento nella fase di caricamento dell'acrilico e compromettano i movimenti di masticazione. Una volta effettuati i tagli nelle protesi si procede a caricare l'acrilico nel modo consueto coprendo tutti gli spazi ed evitando la formazione di bolle all'interno delle protesi. L'acrilico viene caricato prima nel completo superiore e poi nel completo inferiore, evitando di posizionare i magneti in una posizione attraente.

Man mano che il paziente chiude le ganasce, quelle complete si adattano maggiormente alle gengive per effetto repulsivo dei magneti, evitando qualsiasi schiocco delle stesse. La durata dipenderà chiaramente anche dall’atteggiamento del paziente che dovrà seguire sempre alla lettera ogni eventuale consiglio da parte del dentista. I difetti mediofacciali complessi che coinvolgono l'orbita, il naso, la guancia e le labbra, al pari dei difetti mascellari intraorali, provocano in alcuni casi dei disturbi della vista, della deglutizione, della respirazione, della fonazione, della masticazione e un cambiamento radicale nel comportamento sociale dell'individuo. Questi difetti spesso vengono riabilitati tramite l'utilizzo di protesi facciali o intraorali. Questa specifica tipologia di riabilitazione con protesi dentaria calamitata richiede un alto livello di abilità pratica e anche un tempo più lungo per il processo di preparazione. Un altro grosso problema è che, durante la masticazione, la protesi facciale potrebbe avere movimenti che potrebbero pregiudicare la fissazione solo con adesivi. Per evitare ciò sarà assolutamente necessaria la pianificazione di entrambe le protesi.
Protesi dentaria calamitata