coppia abbracciata

Proteggi i tuoi denti!

Per pochi giorni il check up è in omaggio!

APPROFITTANE ORA

Acconto cure odontoiatriche

Acconto cure odontoiatriche
Quando un paziente si presenta dal dentista questi realizza un preventivo che dovrà essere approvato o meno. In caso affermativo il dentista inizierà a programmare il piano di trattamento dal punto di vista gestionale andando quindi a definire il numero di sedute, l’intervallo di tempo tra una seduta e l’altra valutando i tempi di consegna dei laboratori odontotecnici e il tempo previsto per ogni seduta. Spesso si richiede un acconto cure odontoiatriche e il paziente dovrà versare la cifra restante al termine dei trattamenti ricevuti. Sarà anche possibile suddividere l’importo del preventivo in rate a seconda della modalità di pagamento scelta dal paziente. Solitamente la modalità di pagamento è suddivisa in tre parti: acconto dentista iniziale, secondo acconto cure odontoiatriche e saldo finale. Per saperne di più sull’ acconto cure odontoiatriche non resta che proseguire la lettura ai prossimi paragrafi.

Acconto cure odontoiatriche: ecco come funziona

Come regola generale quando parliamo di acconto cure odontoiatriche dobbiamo anche dire che la caparra risulta persa se chi l’ha versata non adempie al contratto. Solitamente la caparra si aggira sui 25-30% del prezzo totale. Molti confondono la caparra con l’acconto cure odontoiatriche ma si tratta di cose diverse. L’acconto cure odontoiatriche e la caparra confirmatoria rappresentano un anticipo di denaro per l’acquisto di un bene. Solo la caparra però potrà essere trattenuta in caso di inadempimento o restituita. Capita spesso di trovarsi a consegnare in anticipo una somma di denaro per l’acquisto di beni o servizi, e i dentisti non fanno eccezione. Come abbiamo visto però caparra e acconto cure odontoiatriche non sono la stessa cosa anche se entrambi rappresentano una somma consegnata in anticipo sul prezzo totale. E’ quindi molto importante sapere se i soldi versati rappresentano un acconto o una caparra così da capire quali sono i propri diritti e sapere come comportarsi in caso di inadempimento. Ogni volta che si parla di acconto o di caparra ci si riferisce sempre a un anticipo di denaro sul pagamento di un prezzo per acquistare un servizio. Sia che si parli del dentista, sia di acquistare un’auto o una casa, è quindi meglio conoscere nel dettaglio le conseguenze della consegna del denaro.

Acconto cure odontoiatriche e caparra: le differenze

Quando parliamo di acconto o caparra ci riferiamo a un anticipo di denaro richiesto sul pagamento di un prezzo per acquistare beni o servizi. L’acconto è quindi un vero e proprio anticipo che viene dato a fronte di un prezzo più alto per confermare la volontà di acquistare beni o servizi. Da questo punto di vista ci sono ben poche differenze tra un anticipo di denaro e la caparra. Ma che cosa potrebbe succedere qualora ci fossero delle rimostranze sui servizi odontoiatrici erogati? Ecco quindi che vediamo la differenza tra anticipo e caparra. In caso di acconto cure odontoiatriche si potrà avere la restituzione in caso di mancata conclusione del contratto e indipendentemente dalla responsabilità delle parti. Chiaramente qualora chi ha versato l’acconto cure odontoiatriche ritenga di aver subito un torto o che il dentista non abbia rispettato gli accordi presi, dovrà agire in giudizio per chiedere l’adempimento del contratto o un risarcimento. Come l’acconto, anche la caparra è un anticipo sul pagamento del prezzo dovuto. La caparra viene consegnata a conferma della propria volontà di comprare un dato servizio. La differenza con l’acconto è però rappresentata dalle conseguenze per l’inadempimento. Qualora una delle parti dovesse venire meno agli impegni presi, la caparra avrà una funzione risarcitoria senza dover fornire prove di danni subiti e senza attivare costosi processi. Il codice civile stabilisce che, in caso di inadempimento dell’acquirente, la caparra versata può essere trattenuta dal venditore a titolo di risarcimento del danno subito. In caso invece di inadempienza del venditore o dell’erogatore di servizi sarà il paziente a poter richiedere la restituzione del doppio della caparra versata.

Acconto cure odontoiatriche o caparra: come riconoscerli

Nella realtà di tutti i giorni è molto complesso stabilire se un anticipo rappresenti un acconto o una caparra. Per capire se si tratta di un anticipo o di una caparra bisognerà fare una proporzione tra la somma data in anticipo e il prezzo totale per l’acquisto di beni o servizi. Se c’è una proporzione di circa il 30-40% del totale si potrà parlare di caparra, al contrario di un anticipo. Sulla base di ciò si consiglia di prestare sempre attenzione alla consegna di denaro in anticipo. Si consiglia di guardare con molta attenzione al momento del pagamento e di raccogliere informazioni sull’importo dell’acconto cure odontoiatriche con largo anticipo così di non andare incontro a brutte sorprese. Una fattura per prestazioni odontoiatriche deve contenere data emissione, numero progressivo, ragione sociale dello studio dentistico, dati fiscali del paziente, natura, qualità e quantità dei beni che formano oggetto dell’operazione, importo e dicitura esenzione iva. In fattura bisognerà anche specificare che si tratta di un acconto cure odontoiatriche.
Acconto cure odontoiatriche