coppia abbracciata

Proteggi i tuoi denti!

Per pochi giorni il check up è in omaggio!

APPROFITTANE ORA

Smaltire anestesia dentista

Smaltire anestesia dentista
Dopo una visita estenuante dal dentista la bocca può rimanere insensibile fino a due ore. Molti quindi vogliono giustamente sapere come smaltire anestesia dentista così da tornare il più velocemente possibile alle proprie occupazioni quotidiane. Una bocca insensibile può essere un problema se si deve mangiare, ad esempio, in quanto si rischierebbe di morsicarsi il palato senza sentire dolore causando delle lesioni che poi faranno male una volta finito l’effetto dell’anestesia. Molti quindi vorrebbero sapere come smaltire in fretta l’anestesia del dentista ma purtroppo dobbiamo deluderli in quanto bisognerà aspettare che l’effetto svanisca naturalmente nel tempo. Per smaltire anestesia dentista è però possibile utilizzare alcuni rimedi casalinghi che serviranno almeno ad eliminare in parte l’intorpidimento. Sapere quando si smaltisce l’anestesia dentista è importante in quanto, sotto l’effetto dell’anestetico, sarà rischioso masticare. Nei prossimi paragrafi cercheremo di capire se ci sono dei consigli su come smaltire anestesia dentista più velocemente.

Come smaltire anestesia locale del dentista

Per smaltire anestesia dentista è possibile seguire alcuni consigli che serviranno almeno a velocizzare la fine dell’intorpidimento. Si consiglia di massaggiare la pelle intorno alla bocca e di strofinare le dita in piccoli cerchi sulle gengive e sulla mascella. Si raccomanda anche di mangiare qualcosa di morbido come yogurt o frutti morbidi così da non dover masticare. Il modo migliore per capire come smaltire anestesia dentista è spesso dormire in quanto, così facendo, si potrà far passare il tempo in attesa che il disagio svanisca. L'effetto dell'anestesia generalmente svanisce dopo circa due ore e il sollievo prematuro dell'intorpidimento può effettivamente provocare dolore da trattamento dentale, che sarà ancora meno piacevole dell'intorpidimento. Se la bocca rimane insensibile per più di tre o quattro ore dopo il trattamento si consiglia di contattare il medico per trovare la causa. Alla luce di tutto questo si consiglia di pianificare con attenzione gli appuntamenti dal dentista solo nei giorni in cui si sa di non avere eventi speciali. Non bisognerà chiamare il medico a meno che l’anestesia non ci metta troppo tempo per svanire. Se l’idea di smaltire anestesia dentista è fastidiosa si potrà provare a valutare con il dentista altre soluzioni come ad esempio la sedazione cosciente.

Smaltire anestesia dentista: come farla passare in fretta

Ci sono dei metodi per smaltire l’anestesia dentista più in fretta? Si dovrà in primis considerare che ogni persona è diversa dall’altra e, per questo, ogni persona ha dei tempi di smaltimento differenti per le sostanze anestetiche locali. I tempi per smaltire anestesia dentista dipendono quindi da una vasta gamma di fattori. La stessa dose di farmaco infatti può essere eliminata in un tempo maggiore o minore soprattutto in base alla reazione dell’organismo. Inoltre la durata dell’anestesia dentale dipende anche dalla concentrazione di principio attivo impiegato, dalla zona interessata e dalla quantità. Influirà poi sui tempi per smaltire anestesia dentista anche lo stato psicologico del paziente. Secondo gli specialisti le persone che vanno dal dentista in forte stato di ansia tendono a smaltire anestesia dentista prima del tempo rispetto a coloro che riescono a sottoporsi serenamente alle terapie. Per smaltire anestesia dentista rapidamente si consiglia ad esempio di bere molta acqua in quanto l’assunzione di liquidi dopo la seduta odontoiatrica facilita anche l’eliminazione del farmaco anestetico con le urine. Altro buon consiglio per smaltire anestesia dentista è massaggiare la zona trattata con delicatezza e con movimenti circolari così da favorire un maggior afflusso di sangue sulla parte anestetizzata. Si potrà anche masticare lentamente dal lato opposto della bocca e si consiglia di prediligere cibi molto freddi come il gelato così da stimolare la circolazione del sangue e far cessare prima la sensazione di intorpidimento. Se si vuole sapere come smaltire anestesia dentista dunque il consiglio è quello di mantenere la calma e utilizzare uno di questi rimedi naturali. Si tenga comunque sempre presente che, nel giro di massimo 3-4 ore post intervento, l’effetto dell’anestetico tenderà a svanire completamente.

Smaltire anestesia dentista: le diverse tipologie

L’anestesia locale del dentista agisce bloccando il dolore tramite una temporanea perdita di sensibilità nella zona da trattare. Non solo, i farmaci iniettati inibiscono la trasmissione degli stimoli dolorosi in quanto agiscono direttamente sui tronchi nervosi interessati. Si tenga conto che la durata dell’effetto anestetico varia anche in base al tipo di anestesia praticato. Smaltire anestesia dentista quindi sarà diverso anche a seconda della tipologia utilizzata. L’anestesia plessica, ad esempio, va ad agire direttamente sulla mucosa orale mentre quella intraligamentosa viene effettuata vicino all’osso alveolare ed esercita una forte pressione mediante aghi molto piccoli. L’anestesia tronculare invece viene praticata su interno tronco nervoso e viene eseguita solo per interventi di media o grande entità come l’estrazione dei denti del giudizio inclusi. Infine abbiamo l’anestesia intrapulpare che viene eseguita all’interno della polpa dentaria per ottenere un’azione analgesica elevata ma di breve durata. Lo specialista al momento dell’intervento darà tutti i consigli su come smaltire anestesia dentista più rapidamente e sui comportamenti da tenere nella fase post-trattamento per velocizzare la guarigione.
Smaltire anestesia dentista