coppia abbracciata

Proteggi i tuoi denti!

Per pochi giorni il check up è in omaggio!

APPROFITTANE ORA

Anestesia dentista fa male

Anestesia dentista fa male
Molti quando devono andare dal dentista hanno un po' di paura in quanto pensano che l’anestesia dentista fa male. Non esiste però alternativa all’anestesia, anche per questo si consiglia di informarsi meglio così da eliminare ogni possibile preoccupazione. Dire che fa male fare l’anestesia dal dentista è inesatto ma per molti quella dell’anestesia rappresenta una vera e propria paura irrazionale difficilmente superabile. Una delle cause che genera l'odontofobia è la paura che l'iniezione di anestesia dentale possa ferire. In questo articolo vogliamo rispondere a questa domanda comune, fornendo dettagli su cosa proviamo esattamente quando il dentista non applica l'anestesia alla bocca prima di un intervento odontoiatrico. Più che dire che l’anestesia dentista fa male sarebbe al massimo più corretto dire che la puntura anestesia dentista fa male. L'unica cosa che possiamo sentire quando ci fanno l'anestesia dentale è un piccolo fastidio e un piccolo crampo. Questi crampi possono spaventarci ma sono del tutto normali e significa che l'iniezione e l'anestesia stanno avendo successo. Nei prossimi paragrafi cercheremo di capire perché è falso dire che l’anestesia dentista fa male e quali sono i possibili effetti collaterali.

L’anestesia locale dentista fa male? Ecco cosa sapere

Poco dopo la puntura dell’anestesia il paziente inizierà a sentire il tipico intorpidimento della parte della bocca che è stata anestetizzata. Alcuni trattamenti odontoiatrici sono molto dolorosi e forse questo può far temere il dentista. Tuttavia, per evitare disagio e dolore anche intenso c'è l'anestesia. Si tratta di un composto che viene applicato in procedure complicate che faranno sentire al paziente meno dolore e quindi meno ansia. Chi ha paura che l’anestesia dentista fa male deve sapere che dopo la puntura non sentirà nulla e che l’effetto dell’anestesia durerà qualche ora anche dopo l’intervento. Tuttavia, a seconda della complessità del caso, lo specialista può prendere in considerazione l'applicazione dell'anestesia generale. In entrambe le scelte, per eliminare la sensibilità nella zona interessata, il composto agirà sulle radici nervose. Quando un paziente sta per essere sottoposto ad anestesia ha il diritto di essere informato sulle implicazioni che la sostanza avrà sul suo corpo. In questo senso, il dentista deve fornire tutte le informazioni affinché il paziente possa sentirsi al sicuro. Chi dice che fa male fare l’anestesia dal dentista può quindi essere rassicurato anche perché l’alternativa, ovvero sottoporsi a interventi senza anestesia, rappresenta sicuramente una scelta molto peggiore sotto tutti i punti di vista. Il dentista sarà comunque sempre a completa disposizione per fornire informazioni sull’anestesia e aiutare a dissipare preoccupazioni.

Tipi di anestesia

In precedenza abbiamo detto che esistono due tipi di anestesia: generale e locale. L'anestesia locale è correlata alla perdita di sensibilità per un breve periodo. In questi casi dire che l’anestesia dentista fa male è impossibile, al massimo l’unico fastidio verrà determinato dalla puntura. Ma spesso i dentisti utilizzano prima degli spray anestetici topici che servono a desensibilizzare l’area dove verrà poi fatta la puntura per l’anestesia locale. D'altra parte l'effetto dell'anestesia generale dura per un lungo periodo in cui il paziente sarà completamente incosciente e dovrà respirare con una cannula. Questo tipo di anestesia viene applicato da un medico anestesista a causa della complessità della sua fornitura. Gli esperti di salute orale affermano che il dolore è minimo e sopportabile durante l'anestesia. Chi ha paura che l’anestesia dentista fa male può quindi essere rassicurato in quanto si sentirà al massimo solo un piccolo pizzico quando l’ago penetra nei tessuti e deposita il composto. Se l'anestesia è stata applicata nella zona inferiore della cavità orale il paziente sarà in grado di sentire intorpidite e insensibili labbra, lingua e gengive. Qualora venisse anestetizzato anche un dente anteriore, la sensazione di intorpidimento si diffonderebbe molto rapidamente anche al naso.

Si tratta comunque di reazioni del tutto normali che non devono destare preoccupazione. Fortunatamente effetti sono di breve durata. In caso di utilizzo di vasocostrittori gli effetti possono durare 2 ore e, in alcuni trattamenti, anche oltre 4 ore. Tutto dipenderà dal tipo di anestetico scelto, dalle caratteristiche del paziente e dalla capacità del proprio corpo di assorbire il materiale applicato. Inciderà, inoltre, anche la quantità di anestesia richiesta per l'entità dell'intervento. Insomma, sostenere che l’anestesia dentista fa male è inesatto in quanto l’anestesia serve esattamente a evitare il dolore anche in interventi chirurgici complessi. L'applicazione dell'anestesia dentale non deve spaventare il dentista. Tutto quello che si deve fare è stabilire una comunicazione onesta con lo specialista. Anche se l’anestesia locale è sicura ci sono alcuni effetti collaterali di cui tener conto come lividi, difficoltà ad aprire la bocca, infezioni, paralisi del nervo facciale, lacerazioni o irritazioni dei tessuti molli e parestesia. In alcune, rare, occasioni, potrebbe anche generarsi un problema del sistema nervoso centrale e cardiovascolare. Possiamo quindi dire che non fa male fare l’anestesia dal dentista e che quindi ci si potrà rimettere alla decisione dello specialista senza timori di sorta.
Anestesia dentista fa male