coppia abbracciata

Proteggi i tuoi denti!

Per pochi giorni il check up è in omaggio!

APPROFITTANE ORA

Mascherina dentista

Mascherina dentista
La mascherina dentista è sempre stata un dispositivo molto importante per la sicurezza tanto del dentista quanto del paziente durante i trattamenti dentistici. Inoltre il recente diffondersi del coronavirus ha reso ancora più importante utilizzare una maschera chirurgica e non solo. L'odontoiatra ha già familiarità con l'uso della maschera durante i trattamenti poiché durante qualsiasi trattamento odontoiatrico c'è una trasmissione di particelle nell'aria tra il paziente e il professionista. Per questo motivo già prima della pandemia la mascherina dentista era una realtà in tutti gli studi odontoiatrici. Tuttavia, è interessante comprendere i meccanismi per sapere come proteggersi adeguatamente e come evitare la contaminazione incrociata tra pazienti e professionisti. Scegliere una mascherina per odontoiatria è quindi un modo per proteggersi e proteggere i pazienti, soprattutto in tempi di pandemia.

Perché i dentisti portano la mascherina?

Nella trasmissione aerea ci sono due diversi meccanismi: la trasmissione per goccioline e tramite aerosol. Nel primo caso le protagoniste sono delle goccioline, ovvero particelle di grandi dimensioni (> 5 µm) emesse durante la parola, la tosse o lo starnuto, che si depositano rapidamente nell'ambiente circostante e contaminano le superfici di lavoro e le mucose dell'orecchio, del naso e della gola del dentista. Con l’aerosol invece si parla di particelle fini <5 µm, emesse dal respiro del paziente che possono essere trasportate per lunghe distanze e vengono inalate dal dentista. Giusto come promemoria, un coronavirus misura 100-150 nm o 0,1 µm. Le misure di protezione devono essere adattate a seconda dei casi, ma in generale nelle cure odontoiatriche si ha emissione di gocce e aerosol. Ci sono almeno tre tipi di mascherine per studi dentistici utilizzate più di frequente: la maschera in tessuto, la mascherina dentista chirurgica e la maschera di protezione delle vie respiratorie. La visiera o schermo protettivo crea un'ulteriore barriera contro gli schizzi, utile per proteggere gli occhi e il viso, ma non filtra l'aria, quindi non è un elemento di protezione che va utilizzato come unica protezione (sarebbe un complemento alle maschere, in alternativa agli occhiali protettivi).

Mascherina dentista: quale scegliere

Nello scegliere la mascherina dentista ideale occorre prima fare un po' di chiarezza sui vari dispositivi di protezione esistente e chiarire le differenze esistenti, ad esempio, tra una maschera chirurgica e una maschera FFP. Una maschera dentista chirurgica è un dispositivo medico regolato dalla Direttiva 93/42 / CEE e che deve essere conforme alla norma EN 14683. Il suo obiettivo è quello di evitare la proiezione nell'ambiente delle gocce emesse dalla persona che indossa la maschera. Inoltre protegge l'utente dalle proiezioni di gocce emesse da un'altra persona. Pertanto, protegge le gocce in entrambe le direzioni. Tuttavia, non protegge dall'inalazione di particelle molto piccole nell'aria, quindi il medico non è protetto dalle particelle fini (aerosol). Le maschere chirurgiche generalmente utilizzate in odontoiatria andrebbero cambiate almeno ogni 4 ore. Se la maschera dentista si è bagnata o se la temperatura è superiore a 40 ° C, sarà necessario cambiarla immediatamente. Per evitare la contaminazione incrociata, è anche necessario cambiare la maschera tra ogni paziente.

Maschera dentista FFP

La mascherina dentista FFP è un dispositivo di protezione individuale (DPI) che funge da protezione respiratoria. È regolamentato dal Regolamento (UE) 2016/425 e deve essere conforme alla norma EN 149. Il suo obiettivo è proteggere l'utilizzatore dall'inalazione di goccioline ma anche particelle sospese nell'aria che possono contenere agenti infettivi. Tuttavia, non protegge completamente il paziente delle particelle fini del professionista, ma piuttosto dalle gocce. L'uso di questo tipo di maschera è più restrittivo (disagio termico, resistenza respiratoria) rispetto a quello di una maschera chirurgica. Esistono tre categorie di maschere FFP, a seconda della loro efficacia (stimata in base all'efficacia del filtro e alla fuoriuscita del viso). Le maschere FFP1 filtrano almeno l'80% degli aerosol (perdita totale verso l'interno <22%) mentre le FFP2 filtrano almeno il 94% degli aerosol (perdita interna totale <8%). Infine le maschere FFP3 filtrano almeno il 99% degli aerosol (perdita interna totale <2%). Per il professionista dentale è necessario indossare una maschera dentista FFP2.

Se il virus viene trasmesso solo per goccioline, la mascherina dentista FFP2 è sufficiente. Se il virus può sopravvivere nell'aria senza goccioline, le sue dimensioni microscopiche gli consentiranno di oltrepassare la barriera della maschera. Pertanto, è necessario esercitare la massima cautela e moltiplicare le barriere protettive (maschere, visiere, cappucci, ecc.), È possibile utilizzare una doppia maschera e posizionare una maschera tipo FFP2 sopra una maschera chirurgica. I dentisti dovrebbero anche assicurarsi che le maschere si adattino bene alla forma del viso e che non abbiano delle perdite. Per verificare la vestibilità di una maschera di protezione delle vie respiratorie c'è un test chiamato Fit-Check. È inoltre possibile utilizzare un estensore della maschera o una protezione per le orecchie per fare in modo che la maschera dentista prema in modo più efficace contro il viso. Questa tecnica è particolarmente indicata per le persone con un viso piccolo o per le persone con fastidio nella parte posteriore delle orecchie a causa delle strisce della maschera.
Mascherina dentista