coppia abbracciata

Proteggi i tuoi denti!

Per pochi giorni il check up è in omaggio!

APPROFITTANE ORA

Ricostruzione gengive

Ricostruzione gengive
La recessione gengivale non è solo un problema estetico. Quando le gengive si ritraggono, le radici sensibili dei denti vengono esposte e vengono creati degli spazi tra i denti. In questi fori ci sono le condizioni ideali per l'accumulo di placca batterica e tartaro. Ciò può portare a una malattia parodontale più avanzata, al deterioramento dei tessuti e delle ossa e alla perdita occasionale dei denti. Si tratta di un problema da non sottovalutare per nessun motivo e, per trovare una soluzione, il consiglio è quello di rivolgersi a un dentista per valutare la ricostruzione gengive. Ricordiamo comunque che il modo migliore per prevenire la perdita o la recessione gengivale è utilizzare lo spazzolino e passare il filo interdentale ogni giorno utilizzando una tecnica adeguata. Non solo, bisognerà anche prenotare almeno due visite di controllo all’anno dal dentista così da individuare per tempo ogni possibile disturbo. Occorre comunque rassicurare che si possono ricostruire le gengive anche se le modalità cambiano da caso in caso in base a tutta una serie di fattori. Gli esperti in chirurgia parodontale potranno trovare una soluzione specifica per ogni situazione eseguendo un intervento di ricostruzione gengive in completa sicurezza. Nei prossimi paragrafi analizzeremo le tecniche principali utilizzate per l’intervento per ricostruzione gengive.

Ricostruzione gengive: quando farla

Poiché la recessione gengivale è un processo graduale, la maggior parte delle persone non è nemmeno consapevole di averla. In alcuni casi ci si accorge di una maggiore superficie esposta dei denti o di una maggiore sensibilità agli stimoli termici. Altre volte ci si accorge di questo problema solo dopo una visita eseguita durante un controllo dentale. Il trattamento tradizionale di ricostruzione gengive è solitamente un innesto di tessuto molle. In questo tipo di procedura, un piccolo pezzo di tessuto viene prelevato da un'altra area della bocca, solitamente il palato, e viene cucito in posizione sopra la parte esposta della radice del dente. Questa procedura è generalmente laboriosa, può essere fastidiosa e richiede l'uso di suture ma consentirà di risolvere il problema in modo molto efficace. La tecnica chirurgica Pinhole di ricostruzione gengive offre una serie di vantaggi unici e ha rivoluzionato il modo in cui vediamo il trattamento della recessione gengivale. Invece di un bisturi, questa procedura utilizza uno strumento che crea un piccolo foro nel tessuto gengivale sano del paziente sull'area che necessita di trattamento.

Questa piccola apertura può ospitare strumenti specializzati che il medico utilizzerà per allentare e allargare delicatamente il tessuto gengivale, coprendo le aree esposte dei denti dove il tessuto molle è stato retratto. Non appena il tessuto gengivale ha cambiato posizione, piccole strisce di collagene vengono posizionate sull'area da trattare. Ciò promuoverà la produzione naturale di collagene ed elastina, che promuoverà la guarigione e ridurrà l'infiammazione. Piuttosto che richiedere innesti di tessuto e suture, questa procedura comporta semplicemente la regolazione del tessuto gengivale già presente nel sito di trattamento, con un disagio postoperatorio minimo e un sanguinamento minimo.

Intervento per ricostruzione gengive: il metodo Pinhole

Molti pazienti affetti da malattia parodontale o recessione gengivale vorrebbero ripristinare la linea gengivale e proteggere le radici dei denti, ma non vogliono sottoporsi alla procedura di innesto gengivale tradizionale, spesso scomoda e lunga. Questi pazienti aspirano al trattamento Pinhole, una tecnica minimamente invasiva per trattare efficacemente la recessione delle gengive. Questo trattamento senza suture utilizza il tessuto esistente della gengiva sana, che viene riposizionata utilizzando strumenti che funzionano attraverso un'apertura molto piccola nelle gengive. Il trattamento Pinhole di ricostruzione gengive offre molti vantaggi rispetto alle tradizionali procedure di recessione gengivale. Innanzitutto non prevede che vengano realizzate incisioni in quanto non viene utilizzato alcun innesto di tessuto. Inoltre con questa tipologia di ricostruzione gengive non vengono eseguite suture e il tessuto gengivale deposto viene tenuto in posizione da strisce di collagene invece che da suture.

Poiché la procedura di ricostruzione gengive è minimamente invasiva, i pazienti generalmente hanno un periodo di recupero molto breve, manifestano un gonfiore minimo e tendono a tornare alle normali attività il giorno dopo la procedura. Questo trattamento di ricostruzione gengive offre un miglioramento estetico che è subito e il piccolo punto di accesso generalmente guarisce entro 24 ore. I metodi tradizionali richiedono un lungo tempo di recupero, spesso più settimane, prima che i risultati diventino tangibili. Rispetto alla tradizionale chirurgia parodontale, questa procedura riduce notevolmente il rischio di eventuali complicazioni. Come per il trattamento della carie, anche per la ricostruzione gengive è necessario solo un anestetico locale per intorpidire l'area da trattare.

Ricostruzione gengive costo

Ma quanto costa esattamente un intervento di ricostruzione gengive? I costi indicativi di una gengivectomia possono andare dai 200 ai 400 euro a dente. Chiaramente i costi cambiano in base a diversi fattori che dovranno essere valutati con attenzione dal dentista anche perché i pazienti non sono tutti uguali. Ci sono anche delle differenze di prezzo sulla base della zona geografica di cui bisognerà tener conto.
Ricostruzione gengive