coppia abbracciata

Check up ai denti in omaggio!

Approfittane subito!

RICHIEDI INFO

Caria o carie

Caria o carie
Caria o carie? Il termine giusto per riferirsi alla patologia orale più diffusa al mondo è carie. Si dice al massimo che un dente si caria quindi è sbagliato utilizzare caria o carie indistintamente. Sono moltissime le persone che soffrono di carie e la causa, quasi sempre, è una igiene orale cattiva o assente. Le carie infatti sono causate dall’accumulo di placca batterica sui denti che, se non rimosso per tempo, si indurisce diventando tartaro e aggredendo lo smalto dei denti. Le carie sono un problema serio che non deve essere sottovalutato per nessun motivo in quanto non guarisce da solo. Proprio così, l’unico modo per curare un dente cariato sarà andare dal dentista che dovrà valutare se eseguire un’otturazione o una devitalizzazione. Insomma, chi si chiedeva se si dice caria o carie ora sa che è il secondo il termine giusto. Ma è corretto usare caria o carie al singolare? In questo caso si parla di una carie al singolare quindi dire “caria” è sempre sbagliato in qualsiasi circostanza.

Carie: cosa sono

La carie è la distruzione dei tessuti dentali causata dalla presenza di acidi prodotti dai batteri della placca depositati sulle superfici dei denti. Questo deterioramento dei denti è fortemente influenzato dallo stile di vita, questo vuol dire che dipende da quello che mangiamo e dal modo con cui ci prendiamo cura dei nostri denti. Anche la presenza di fluoro nell’acqua e nel dentifricio che utilizziamo può influenzare la formazione delle carie al pari dell’ereditarietà genetica. La carie è più comune nei bambini ma anche gli adulti sono a rischio. Abbiamo già detto che dire caria o carie non è la stessa cosa e ora ci soffermeremo sul fatto che esistono diverse tipologie di carie. Le carie della corona ad esempio sono le più comuni e si verificano sia nei bambini che negli adulti generalmente sulle superfici masticatorie o tra i denti. Le carie della radice invece riguardano soprattutto persone avanti negli anni. Il motivo è che con il passare del tempo le gengive si ritraggono ed espongono le parti della radice del dente.

Poiché le radici non sono coperte dallo smalto, queste aree esposte possono essere facilmente colpite. Abbiamo poi le carie ricorrenti che possono formarsi attorno a otturazioni e corone esistenti. In questo caso la carie si fa strada perché queste aree hanno la tendenza ad accumulare la placca. Gli adulti sono particolarmente a rischio di carie se soffrono di secchezza delle fauci, che è un disturbo causato dalla mancanza di saliva dovuta ad alcune malattie, all'uso di alcuni farmaci e ai trattamenti di radioterapia e chemioterapia. La secchezza delle fauci può essere temporanea o permanente, a seconda della sua origine. Le carie possono essere gravi e, se non trattate, possono distruggere il dente e uccidere i nervi delicati al suo interno, il che può portare a un ascesso (un'infezione all'estremità della radice). Una volta formato un ascesso, l'unico trattamento possibile è l'endodonzia (chiamata anche cura canalare), la chirurgia o l'estrazione del dente.

Caria o carie: come sapere se si ha un dente cariato

Partendo dal presupposto che non è uguale dire caria o carie, come fare ad accorgersi di avere un dente cariato? Solo il dentista può determinare con certezza se si ha una carie o meno. Questo perché le carie si sviluppano sotto la superficie del dente, dove non è possibile vederle. Quando si mangiano cibi che contengono carboidrati (zuccheri e amidi), i batteri della placca li consumano e producono acidi che distruggono il dente. Nel tempo, lo smalto dei denti inizia a demineralizzarsi e si forma una carie. È più probabile che le carie si sviluppino nelle fosse sulle superfici masticatorie dei denti posteriori, tra i denti e vicino alla gengiva. Tuttavia, indipendentemente da dove compaiono, il modo migliore per individuare le carie e trattarle prima che diventino serie è visitare il dentista e sottoporsi a controlli o controlli regolari.

Come posso aiutare a prevenire la carie?

Il modo migliore per contrastare l’insorgenza delle carie è quello di lavarsi i denti almeno due volte al giorno e usare il filo interdentale e il collutorio ogni giorno per rimuovere la placca tra i denti e sotto le gengive. Bisognerà anche sottoporsi a controlli dentali regolari. La cura preventiva aiuta a prevenire il verificarsi di problemi e problemi minori si trasformano in problemi maggiori. Si consiglia anche di seguire una dieta equilibrata eliminando per quanto possibile i cibi con amidi e zuccheri. Insomma, prevenire è molto meglio che curare, molto meglio quindi dedicare tempo ed attenzione all’uso dello spazzolino e alla normale routine di igiene orale. Mai fidarsi dei rimedi fai da te contro la caria o carie e sarà meglio sottoporsi a una seduta di igiene professionale l’anno per rimuovere ogni deposito di tartaro sui denti e abbattere così il rischio di carie almeno per qualche mese.
Caria o carie