coppia abbracciata

Check up ai denti in omaggio!

Approfittane subito!

RICHIEDI INFO

Curare carie senza trapano 

Curare carie senza trapano 
Un nuovo trattamento per curare carie senza trapano potrebbe rappresentare una speranza per tutti coloro che hanno paura quando si tratta di sedersi sulla poltrona del dentista. A tutti capita almeno una volta nella vita di dover andare dal dentista, in queste occasioni è del tutto normale provare un po' di timore e sono moltissimi quelli che hanno paura degli strumenti utilizzati e del trapano in particolar modo. Nonostante i dentisti siano in grado di curare le carie in modo rapido ed efficace oltre che indolore, viene utilizzata l’anestesia, alcuni proprio non riescono a sopportare il trapano e preferirebbero altre soluzioni, laddove esistenti. Un paziente su otto soffre di fobia orale e ansia per le cure dentistiche. Come abbiamo già accennato è soprattutto il suono del trapano che produce paura e stress. Per fortuna oggi eliminare carie senza trapano è possibile! Nei prossimi paragrafi cercheremo di capire come curare carie senza trapano.

Cura della carie senza trapano

Ma curare carie senza trapano si può davvero? La risposta è: dipende. Se le carie vengono trattate nella loro fase iniziale allora curare carie senza trapano è anche possibile. In caso contrario, ovvero quando le carie hanno interessato già dentina e polpa, ecco che sarà impossibile evitare il trapano. Finora, in questi casi, i dentisti avevano due opzioni: la prima era basata sulla speranza e consisteva nel riempire di fluoro le parti interessate ed esortare il paziente a prendersi più cura dei propri denti. In tutti gli altri casi i dentisti utilizzano per forza il trapano per rimuovere le carie. Lo svantaggio di questo metodo è che si perde molto materiale sano. Il problema quando si trattava di batteri che avevano appena attaccato lo smalto era quello di dover asportare una parte del dente sano per raggiungere il punto colpito. Di conseguenza secondo alcuni il trapano potrebbe provocare danni al cavo orale. Esistono dunque delle possibili alternative? Una alternativa consiste nell’isolare il dente con una diga di gomma per poi applicare delle sostanze che consentono di rimuovere tutto il primo strato minerale dal punto interessato. Infine, per curare carie senza trapano si procede nell’applicare una sottile pellicola di resina che dovrà arrivare fino alla matrice dello smalto. Poi la si indurisce come si farebbe con qualsiasi normale otturazione. Insomma, in alcuni casi curare carie senza trapano è possibile e questa procedura non è invasiva e non danneggia i tessuti. Eliminare carie senza trapano si può fare ma solo se si riesce a intervenire quando il processo cariogeno è ai primi stadi.

Curare carie senza trapano: l'importanza della diagnosi precoce

La carie è la malattia dentale cronica più comune al mondo, basti pensare che colpisce il 60-90% dei bambini del mondo secondo la World Federation of Dentistry. Come malattia, è 20 volte più comune del diabete e cinque volte più comune dell'asma. Se non trattata adeguatamente, la carie può causare dolore e ascessi e richiedere un trattamento alla radice e persino l'estrazione dei denti, una procedura che può traumatizzare i bambini per tutta la vita. Il modo usuale per trattare la carie è perforare con il trapano e poi coprire il dente con un sottile cappuccio di acciaio inossidabile. Ma questo tipo di trattamento richiede anestesia locale, molto tempo, competenze specialistiche e, per il dentista, una grande pazienza e precisione. Recentemente è stato trovato un nuovo modo per accelerare il processo naturale mediante il quale i minerali di calcio e fosfato vengono introdotti nello smalto. A questo punto, attraverso un processo naturale, si legheranno e si aggiungeranno allo smalto esistente. Dopo aver pulito il dente danneggiato con un metodo che non richiede la perforazione, il dentista lo copre con una soluzione minerale e applica una piccola scossa elettrica che è troppo debole per essere sentita dal paziente. Il minerale depositato si indurisce rapidamente e riempie completamente la cavità. Questo processo per curare carie senza trapano può essere particolarmente utile con i bambini.

Tuttavia i dentisti sostengono che il metodo funziona in modo più efficiente nelle prime fasi della carie, il che rende gli esami odontoiatrici ancora molto importanti. Inoltre, insistono sul fatto che lo spazzolino e la pulizia orale rimangano il modo migliore per prevenire la carie. Insomma, per quanto curare carie senza trapano sia teoricamente possibile soprattutto nelle fasi iniziali, è evidente che l’uso del trapano è ancora largamente diffuso per via della sua efficacia. Del resto per evitare il tanto temuto trapano non resta altro che puntare tutto sulla prevenzione e quindi sull’importanza della buona igiene orale e del presentarsi periodicamente a tutte le visite programmate dal dentista almeno 1-2 volte all’anno. Si consiglia anche di smettere di fumare e magari di utilizzare un filo interdentale per rimuovere gli accumuli di tartaro dalla superficie dei denti e minimizzare il rischio di carie in modo rapido e concreto. La prima condizione indispensabile è comunque sempre la diagnosi precoce in quanto il trattamento con resina è possibile solamente nello stadio iniziale della carie.
Curare carie senza trapano