coppia abbracciata

Check up ai denti in omaggio!

Approfittane subito!

RICHIEDI INFO

Dente cariato

Dente cariato
Le carie sono aree di un dente che hanno perso sostanza a causa di un processo che dissolve gradualmente la superficie esterna dura del dente (smalto del dente) e si sposta verso l’interno. Un dente cariato può provocare molto dolore ed è comunque un problema che non può essere ignorato in quanto porterà alla caduta del dente e anche ad altri problemi. In caso di dente cariato cosa fare e come agire spetterà al dentista che dovrà individuare il trattamento migliore a seconda dei casi. La medicazione dente cariato è un procedimento che il dentista potrà svolgere senza problemi in modo rapido e senza fastidio per il paziente. Per evitare un dente cariato comunque conviene puntare sulla prevenzione e quindi lavarsi i denti con lo spazzolino e utilizzare anche filo interdentale e collutorio almeno 2 volte al giorno. Molti si chiedono quanto tempo si può stare con un dente cariato ma si tratta di una domanda sbagliata in quanto un dente cariato va trattato il prima possibile.

Dente cariato: quali sono i rischi

La placca è una sostanza simile a un film composito di batteri, saliva, residui di cibo e cellule morte, che si deposita continuamente sui denti. Il tartaro è la placca indurita e può avere un colore bianco, anche se di solito è giallo e si forma alla base dei denti. Affinché compaia la carie devono essere presenti anche batteri che producono acido e sostanze nutritive (come lo zucchero) che consentono ai batteri di crescere e produrre acido. Un dente incline alla carie ha una relativa carenza di fluoro protettivo nello smalto o nelle tacche, nelle scanalature o nelle fessure che trattengono la placca. Una scarsa igiene orale, che consente la formazione di placca e tartaro, può accelerare il processo di carie. Sebbene la bocca contenga un gran numero di batteri, solo alcuni tipi generano l'acido che causa la carie. Il batterio più spesso responsabile della carie è lo Streptococcus mutans. Solo una generazione fa la maggior parte delle persone prevedeva di raggiungere la vecchiaia con denti finti o senza denti. Questa aspettativa è cambiata molto negli ultimi decenni. Sebbene quasi il 50% delle persone di età superiore agli 85 anni non conservi i denti naturali, la probabilità di perdita dei denti dovuta all'invecchiamento sta diminuendo. Ci sono diverse ragioni per questo cambiamento: una migliore alimentazione, un migliore accesso alle cure dentistiche e migliori trattamenti per la carie e la malattia parodontale. Quando si perdono i denti masticare diventa molto più difficile e parlare diventa difficile. Il viso appare radicalmente diverso senza il supporto che i denti normalmente rappresentano per le labbra, le guance, il naso e il mento. Un dente cariato comunque va trattato il prima possibile a qualsiasi età.

Dente cariato cosa fare

In caso si ravvisino i sintomi tipici della carie come dolore e sensibilità a stimoli caldi o freddi la causa potrebbe essere una carie. Una volta che il dentista avrà fatto la diagnosi dovrà decidere come agire anche in base allo stadio del processo carioso. Se le carie vengono trovate in tempo si potrà agire sul dente cariato con una semplice otturazione. Se la carie si ferma prima che la superficie dello smalto si rompa, lo smalto può ripararsi (rimineralizzare) con un trattamento al fluoro. Tale trattamento richiede l'uso di dentifrici ad alto contenuto di fluoro che devono essere prescritti da un professionista e molte applicazioni di fluoro nello studio dentistico. Se la carie ha già raggiunto la dentina e provoca un vero e proprio buco nel dente, il dentista rimuove la parte cariata del dente con uno strumento chiamato fresa dentale e poi riempie lo spazio con un'otturazione (restauro). Il trattamento del dente cariato nelle sue fasi iniziali aiuta a preservare la forza del dente e limita la possibilità di danni alla polpa.

L' amalgama d'argento (una combinazione di argento, mercurio, rame, stagno e talvolta zinco, palladio o indio) è più comunemente usata per otturazioni molari, dove la forza è importante e il colore argento passa inosservato. L'amalgama d'argento è relativamente economica e dura in media 14 anni. La scarsa quantità di mercurio che fuoriesce dall'amalgama d'argento è così piccola che non influisce sulla salute. L'uso delle amalgame è in declino perché si ritiene che le resine composite siano più attraenti da un punto di vista cosmetico e vi è preoccupazione per i rischi ambientali associati all'uso delle amalgame. Le otturazioni in oro (intarsi e ricostruzioni) sono più costose. Inoltre richiedono almeno due visite dal dentista per la fissazione permanente. L'uso di resine composite è indicato sugli incisivi e sui canini, dove l'argento sarebbe troppo visibile. Tuttavia l'applicazione di questi composti ai molari è sempre più frequente. Sebbene le resine composite abbiano il vantaggio di essere del colore del dente e consentano ai dentisti di preservare più struttura dentale rispetto alle otturazioni in amalgama, sono più costose dell'amalgama d'argento. Insomma le soluzioni per curare un dente cariato sono oggi molto efficaci e l’importante è non perdere tempo e affidarsi subito alle cure del dentista.
Dente cariato