coppia abbracciata

Check up ai denti in omaggio!

Approfittane subito!

RICHIEDI INFO

Dolore denti neonato tachipirina

Dolore denti neonato tachipirina
Il paracetamolo (noto anche con il nome commerciale di tachipirina) andrebbe assunto in dosi di 500 mg o 1000 mg ripetibili ogni 6-8 ore per una dose massima giornaliera di 4000 mg. Il paracetamolo è un farmaco utilizzato come analgesico e antipiretico (per ridurre la febbre). Il paracetamolo (acetaminofene) viene spesso chiamato Tachipirina in quanto questo è il suo nome commerciale più diffuso. Non va però dimenticato che esistono molti altri nomi commerciali, come Efferalgan e così via. Quando si parla di dolore denti neonato Tachipirina e altri farmaci possono aiutare molto a calmare il fastidio in attesa di andare dal dentista. Il paracetamolo o acetaminofene è il metabolita attivo della fenacetina. Il paracetamolo aumenta la soglia agli stimoli dolorosi, esercitando un effetto analgesico contro il dolore di diverse cause ed eziologie. È disponibile senza prescrizione medica e viene utilizzato come un comune analgesico automatico su prescrizione. Il farmaco è disponibile in combinazioni a dose fissa con analgesici narcotici e non narcotici (inclusi aspirina e altri salicilati, barbiturici, caffeina) in preparati per emicrania vascolare, insonnia, mal di denti, antistaminici, sedativi della tosse, decongestionanti, espettoranti, nei preparati per raffreddore e influenza e nei trattamenti per il mal di gola. Insomma, parlando di dolore denti neonato Tachipirina e altri farmaci sono da considerarsi come alleati molto preziosi.

Mal di denti neonato Tachipirina: quando si usa

La fase di dentizione dei neonati dovrebbe essere seguita passo dopo passo con molta attenzione da parte del pediatra. Il pediatra è colui che saprà consigliare come contrastare i fastidi e il dolore e si consiglia sempre di ascoltarlo e di non fare di testa propria. Parlando di dolore denti neonato Tachipirina e altri farmaci sono in grado di abbassare la febbre. In caso di denti neonati Tachipirina e altri farmaci dovranno essere somministrati sotto forma di gocce, sciroppo o bustine. Molti però hanno un po' di timore nell’utilizzare il paracetamolo per i bambini. Ricordiamo quindi che in caso di dolore denti neonato Tachipirina e altri farmaci andranno prescritti dal pediatra e mai somministrati di propria iniziativa. Il motivo è che il dosaggio varia di caso in caso e potrebbe esserci un rischio potenziale che il bambino possa manifestare una reazione allergica o avversa per un possibile sovra dosaggio. I farmaci, soprattutto nel caso dei neonati, dovranno essere sempre somministrati sotto stretto controllo medico.

Come si somministra la Tachipirina ai bambini

In caso di dolore denti neonato Tachipirina e altri farmaci a base di paracetamolo sono i più indicati. Spesso i pediatri consigliano la Tachipirina anche nel caso di bambini piccoli con mal di denti o principi cariosi. Sarà il genitore a dover scegliere il tipo di somministrazione anche se, secondo molti, la somministrazione in gocce potrebbe essere la più comoda per rispettare la posologia e avere facilità di somministrazione ai piccoli pazienti. Il dosaggio comunque è direttamente proporzionale al peso del bambino. Di solito la proporzione è di 3-4 gocce per ogni chilo, dunque, se un bambino ha un peso di 5 kg, il dosaggio sarà di 20 gocce. Di solito si parla di sovradosaggio di Tachipirina solo quando la somministrazione raggiunge i 150 mg per Kg di peso. Se si vuole che questo farmaco agisca il prima possibile allora si consiglia di somministrare le gocce di Tachipirina direttamente sotto la lingua del neonato in quanto le terminazioni che si trovano nella zona sottolinguale permetteranno un assorbimento in meno di 20 minuti e senza che il bambino ne avverta il sapore. Le gocce di Tachipirina per mal di denti possono essere anche mescolate con altre bevande, per esempio acqua, ma non dovranno mai essere calde. Si consiglia di somministrare Tachipirina ai bambini ogni 6 ore che possono diventare 4 in caso di febbre molto alta. Di solito la somministrazione d Tachipirina dura dai 3 ai 5 giorni salvo diverse indicazioni fornite dal dentista. Se parliamo invece di bambini che hanno più di 6 anni allora la Tachipirina ha un dosaggio da 250 mg a 500 g, sempre in base al peso.

Parlando di dolore denti neonato Tachipirina e altri antidolorifici possono quindi fare la differenza ma si raccomanda di fare sempre riferimento a un pediatra e di non prendere iniziative personali. I bambini che hanno tutti i denti da latte e vivono quella fase di convivenza di denti decidui e denti permanenti, possono assumere la Tachipirina per superare le fasi di dolore intenso. Qualora invece la causa del mal di denti fosse da ricercarsi in un processo cariogeno, sarà necessario svolgere una visita presso un odontoiatra infantile che saprà suggerire quale sia il trattamento migliore a seconda dei casi. Solitamente il dentista cerca di non intervenire in modo invasivo sui denti da latte cariati ed esegue interventi preventivi solo una volta che sono spuntati i denti definitivi. Con i molari, ad esempio, i dentisti possono pensare alla sigillatura per evitare così l’insorgenza di carie per molti anni a venire. La Tachipirina è quindi un efficace antidolorifico che agisce rapidamente adatta tanto ai bambini, quanto agli adulti.
Dolore denti neonato tachipirina