coppia abbracciata

Check up ai denti in omaggio!

Approfittane subito!

RICHIEDI INFO

Sinusite mascellare

Sinusite mascellare
La sinusite mascellare è una patologia purtroppo abbastanza diffusa che induce ogni anno moltissimi pazienti a rivolgersi al proprio medico di base. Ciò è fondamentalmente dovuto al fatto che la causa più comune di questa patologia è il comune raffreddore, che è, a sua volta, la malattia più frequente di tutte quelle esistenti. Data la sua prevalenza tra la popolazione, in questo articolo andremo a chiarire cos'è la sinusite mascellare, quali sono i suoi sintomi e come si cura. Inoltre, spieghiamo la sua origine, in quanto può essere correlata anche agli impianti dentali. Per capire che cos’è la sinusite mascellare, quali sono i sintomi ricorrenti e i trattamenti più indicati non resta che proseguire la lettura.

Che cos’è la sinusite mascellare

La sinusite mascellare è l'infiammazione, e l'ostruzione, dei seni paranasali, che sono un insieme di cavità comunicate con i passaggi nasali. La sinusite mascellare potrebbe avere anche origine da problemi dentali di varia natura. In questo senso si parla di sinusite mascellare odontogena. Tale infiammazione è legata a una infezione dei denti premolari e primo molare superiore per via del fatto che le radici di questi denti si trovano molto vicine al seno mascellare. Questo genere di sinusite può insorgere a seguito di una infezione propagatasi lungo il canale radicolare che porta alla formazione di un ascesso o di una cisti periapicale.

Cause sinusite mascellare

Sebbene abbiamo già detto che la causa più comune della sinusite mascellare è il classico raffreddore causato da un virus, l'origine può verificarsi anche per altri motivi. Tra questi, la presenza di batteri, un fungo o un'allergia, ma anche la conseguenza di un rialzo del seno per posizionare impianti dentali.
In ogni caso, ciò che accade a una persona che soffre di sinusite mascellare è che l'aria non passa normalmente attraverso i seni, poiché le cavità sono bloccate. Questo crea disagio e ti impedisce di respirare correttamente. La sinusite mascellare si cura con gli antibiotici o, se non funzionano, anche con la chirurgia. I seni paranasali sono cavità che si trovano nel viso. Ce ne sono otto in totale e quattro si trovano su ciascun lato del naso. Questi seni sono, a loro volta, costituiti dal seno frontale, dal seno etmoide, dal seno mascellare e dal seno sfenoidale. Queste cavità sono molto importanti nel nostro corpo in quanto sono essenziali quando si tratta di respirare, parlare o annusare.

Quali sono i sintomi della sinusite mascellare?

I sintomi più comuni della sinusite mascellare sono facilmente identificabili. Questi variano, a loro volta, a seconda di quanto è avanzata la patologia, con la febbre che è uno dei segni più allarmanti. Altri sintomi della sinusite mascellare sono dolore facciale, naso che cola, tosse, malessere generale, fatica, mal di testa, senso dell’olfatto ridotto e febbre. Si consiglia ovviamente di non sottovalutare in alcun modo i sintomi della sinusite mascellare.

Come viene fatta la diagnosi della sinusite mascellare?

Sebbene i segni della sinusite mascellare siano abbastanza evidenti è vero che per confermare la diagnosi e seguire un trattamento adeguato è necessario consultare il medico. La visita andrebbe eseguita in caso di sintomi persistenti che rimangono per più di una settimana o addirittura peggiorano con il passare dei giorni. Quando ci si reca nello studio del medico, il professionista eseguirà un esame clinico che include, tra gli altri, uno studio dei seni paranasali e test radiografici. Una volta diagnosticata la patologia, le sinusiti mascellari possono essere classificate in due tipologie in base alla loro durata: sinusite mascellare acuta e cronica. Nel primo caso i sintomi possono durare fino a quattro settimane. Trascorso questo tempo, la normalità viene ripristinata e la persona non mostra più sintomi. Con la sinusite mascellare cronica i sintomi invece persistono nel tempo e durano più di tre mesi. Inoltre, nella sinusite mascellare cronica gli episodi si ripresentano periodicamente.

Come abbiamo anticipato in precedenza, questa malattia può manifestarsi come effetto collaterale dopo il posizionamento degli impianti dentali. A volte un paziente non ha abbastanza osso nell'area posteriore della mascella superiore per garantire una corretta presa della vite. Per risolvere questo problema, è possibile eseguire un intervento noto come rialzo del seno mascellare. Sebbene sia un'operazione che di solito non genera problemi a lungo termine per il paziente, a volte si verifica una complicazione nel periodo postoperatorio: la sinusite mascellare. La verità è che si tratta di un problema raro che non deve verificarsi se il chirurgo che esegue l'intervento ha sufficiente esperienza.

Trattamento: come si cura la sinusite mascellare?

È necessario non solo ricevere una diagnosi chiara attraverso i raggi X e altri test, ma affrontare adeguatamente la malattia. E’ molto importante notare che non esistono trattamenti naturali o rimedi casalinghi per la sinusite mascellare. Questo perché è necessario prendere un antibiotico prescritto da un medico per alcuni giorni per curare l'infezione e prevenire complicazioni. Tuttavia, se dopo l'assunzione dell'antibiotico la sinusite non è scomparsa, sarà necessario estrarre il pus e pulire la zona chirurgicamente.
Sinusite mascellare