coppia abbracciata

La prevenzione è importante!

Approfitta subito del check up in omaggio!

RICHIEDI INFO

Iodopovidone collutorio

Iodopovidone collutorio
Quando si parla di iodopovidone si fa riferimento ad un principio attivo caratterizzato da una forte azione antisettica e antimicrobica, comunemente utilizzato per la disinfezione e la pulizia della cute e di alcuni tipi di mucose. Lo Iodopovidone collutorio è l’ideale per quanto riguarda la disinfezione della mucosa orale di adulti e bambini di età superiore a 6 anni. Iodopovidone collutorio è una soluzione antisettica al gusto di menta che è l’ideale per la disinfezione accurata della mucosa orale. Lo Iodopovidone è il principio attivo di Betadine ed è molto efficace sui batteri di tipo Gram + e Gram -, sui funghi, su protozoi, lieviti e alcuni virus. Iodopovidone colluttorio ha il vantaggio di essere molto meno irritante di altre soluzioni e può essere utilizzato sia puro che diluito. Va utilizzato 2-3 volte al giorno e si dovrebbe evitare l’utilizzo contemporaneo di altri prodotti a base di antisettici. Attenzione anche a non utilizzare sulla parte trattata nello stesso momento anche saponi o pomate contenenti mercurio o composti del benzoino. Iodopovidone collutorio Betadine può agire attivamente sulle cause che determinano l’infiammazione della mucosa orale.

Iodopovidone mucosa orale: perché si usa

Lo iodopovidone è un prodotto ampiamente utilizzato da molti professionisti che curano le ferite ma ha anche molti detrattori. Nonostante non sia un prodotto nuovo e sia ampiamente utilizzato c'è molta ignoranza e dibattito su questo antisettico. Ma quindi perché il suo uso è così diffuso nella pratica clinica? In questo post esamineremo e analizzeremo le prove disponibili sull'utilità e la sicurezza dell'uso dello iodopovidone collutorio nelle ferite croniche. Lo iodopovidone è un composto chimico complesso povidone (polimero idrosolubile), ioduro di idrogeno e iodio elementare. Pertanto, è uno iodoforo, cioè un trasportatore di iodio. Nonostante la storia dello iodopovidone abbia poco più di 60 anni, dall'inizio del XIX secolo l'uso dello iodio era piuttosto diffuso nella prevenzione e nel trattamento delle infezioni e delle ferite della pelle grazie alla sua riconosciuta azione microbicida ad ampio spettro. Tuttavia i composti di iodio esistenti in precedenza, come la tintura di iodio, causavano irritazione, tossicità cellulare e grande pigmentazione della pelle. Con lo iodopovidone questi eventi avversi scompaiono in gran parte poiché questo complesso fornisce un serbatoio per il rilascio prolungato di piccole quantità di iodio libero. Questo iodio libero, rilasciato lentamente dal complesso povidone-iodio, uccide le cellule eucariotiche o procariotiche distruggendo la membrana cellulare e penetrando nel citoplasma, denaturando proteine, acidi grassi e nucleotidi. Essendo un rilascio lento, la concentrazione di iodio libero è bassa, quindi la sua tossicità nei confronti delle cellule umane sarebbe ridotta al minimo.

Iodopovidone collutorio: tutto quello che c’è da sapere

La sua efficacia microbicida è stata studiata in vitro e ha mostrato un ampio spettro di attività contro Gram+ (incluso MRSA), Gram-, funghi, virus e protozoi. Per quanto riguarda l’azione di iodopovidone collutorio sui biofilm un recente studio in vitro ha dimostrato la sua efficacia, superiore ad altri antimicrobici, nell'eradicazione dei biofilm di Pseudomonas aeruginosa, MRSA e Candida albicans. D'altra parte, parlare della resistenza batterica che lo iodopovidone potrebbe generare è essenziale poiché il grande aumento della resistenza agli antibiotici (e diversi antisettici) è uno dei principali problemi clinici e di salute pubblica a livello mondiale. Tuttavia, nonostante il suo ampio uso, non è stato descritto lo sviluppo di resistenza allo iodopovidone collutorio. Lo iodopovidone ha diverse forme e la velocità di rilascio di iodio e le modifiche che si verificheranno nel microambiente della ferita dipendono dalla composizione dei suoi eccipienti (non è la stessa cosa applicare una soluzione essiccante di un gel o un unguento che fornisce umidità). La concentrazione e la formulazione del principio attivo sono fattori importanti che contribuiscono all'efficacia di qualsiasi antisettico. Il componente battericida dello iodopovidone è lo iodio libero i cui livelli dipendono dalla concentrazione della soluzione. La concentrazione di iodio libero aumenta con diluizioni crescenti di iodopovidone, cioè la diluizione indebolisce il legame dello iodio al vettore determinando un aumento dello iodio libero nella soluzione. Questo spiegherebbe il paradosso della rapidità d'azione antibatterica del iodopovidone collutorio con grado di diluizione crescente.

La concentrazione richiesta per i diversi tipi di ferite e il tempo di contatto con il tessuto richiesto e raccomandato rimangono controversi. C'è molto dibattito tra i dermatologi circa il potenziale allergenico e irritante dello iodopovidone collutorio. In realtà tutti gli antisettici possono irritare la pelle se usati in modo improprio, in particolare su pelli con eczema, in occlusione e ad alte concentrazioni. La dermatite da contatto iodopovidone non è mai stata considerata un evento avverso comune, soprattutto considerando il suo uso diffuso. Sono state pubblicate descrizioni isolate di reazioni cutanee da contatto, sia irritative che allergiche. Tuttavia, poiché vi è una mancanza di consenso sulla concentrazione e sul veicolo dei composti iodati che dovrebbero essere utilizzati per i patch test diagnostici, può essere difficile discriminare tra i due tipi di dermatite da contatto (allergica-irritante). L'effetto dello iodopovidone collutorio sulla guarigione è stato ampiamente discusso. Gli studi effettuati con iodopovidone in vitro e negli animali (soprattutto ratti) hanno mostrato risultati variabili, alcuni contraddittori, e la maggior parte sono stati effettuati più di 20 anni fa. Gli studi in vitro dimostrano la citotossicità dose-dipendente dello iodopovidone in colture cellulari, inclusi cheratinociti e fibroblasti.
Iodopovidone collutorio