coppia abbracciata

La prevenzione è importante!

Approfitta subito del check up in omaggio!

RICHIEDI INFO

Ipersensibilità denti

Ipersensibilità denti
L'ipersensibilità denti è un problema dentale comune che colpisce moltissime persone ma che, se correttamente diagnosticato, può anche essere adeguatamente trattato. È una condizione che può svilupparsi nel tempo a causa di problemi comuni come il ritiro delle gengive o l'usura dello smalto. L’ ipersensibilità a un dente può verificarsi quando la parte interna più morbida dei denti, chiamata dentina, è esposta. La dentina si trova sotto lo smalto e le gengive e ha un caratteristico colore giallastro. Anche le carie possono provocare l’esposizione della dentina in quanto agiscono contro lo smalto dentale e questo provoca l’ipersensibilità denti. Migliaia di canali microscopici attraversano la dentina fino al centro del dente. Una volta che la dentina è esposta i fattori scatenanti esterni (come le bevande fredde) possono stimolare i nervi all'interno del dente causando quel caratteristico dolore breve e acuto della sensibilità dentale.

Ipersensibilità dentinale cause

L’ ipersensibilità denti ha delle cause diverse e potrà essere diagnosticata unicamente da un dentista. Chi soffre di problemi ai denti dovrebbe consultare sempre il proprio dentista il prima possibile così da capire il da farsi e pianificare i trattamenti più indicati a seconda dei casi. Chi soffre di ipersensibilità denti potrà ridurre al minimo l'esposizione alla dentina, prendersi cura dei denti sensibili e alleviare i sintomi dolorosi apportando alcune semplici modifiche alla routine quotidiana di igiene orale e alle abitudini alimentari. Lo smalto è la superficie dura più esterna del dente. Sebbene sia più duro di qualsiasi altra sostanza nel corpo nel tempo può gradualmente consumarsi ed esporre lo strato di dentina che può portare alla sensibilità dei denti. L'usura dello smalto dei denti può essere causata da indossare lo smalto dei denti e dal digrignare i denti (bruxismo). Anche lavarsi i denti nel modo sbagliato potrebbe causare ipersensibilità dentinale, sarà quindi molto importante capire come lavarsi i denti per evitare di sviluppare la recessione gengivale. Per evitare ciò si dovrà chiedere al dentista o igienista la migliore tecnica di spazzolatura, la routine di igiene orale più appropriata e prova a utilizzare uno spazzolino a filamenti morbidi. Il dentista è in grado di rilevare i primi segni di usura dei denti, quindi è importante sottoporsi a frequenti controlli. L’ipersensibilità denti è caratterizzata da un dolore breve e acuto che origina dalla dentina esposta in risposta a uno stimolo esterno e non può essere attribuito a nessun'altra forma di difetto o malattia dentale. La teoria idrodinamica afferma che gli stimoli che producono dolore provocano un cambiamento nel flusso del liquido dentinale che, attraverso una risposta dei meccanocettori, attiva le fibre nervose intradentali e produce dolore. Per essere ipersensibili, la dentina deve essere esposta e i tubuli dentinali devono essere aperti agli stimoli esterni e in comunicazione con la polpa. La recessione gengivale è la principale causa di esposizione alla dentina e un importante fattore predisponente per l'ipersensibilità dentinale.

Ipersensibilità dentale rimedi

L'ipersensibilità denti è una condizione prevalente. È stato segnalato che colpisce il 15-20% della popolazione adulta, in genere persone di età compresa tra 20 e 50 anni, con un'incidenza maggiore osservata tra i 30 e i 39 anni. In alcuni studi sono stati riportati livelli di prevalenza più elevati, fino al 57%. Si prevede che l'incidenza dell'ipersensibilità denti aumenti con i cambiamenti nella dieta e che la prevenzione della carie e della malattia parodontale si traduca in un migliore stato di salute orale e nella conservazione e funzionalità della dentatura. I trattamenti per alleviare l'ipersensibilità denti si basano sull'interruzione della risposta neurale a stimoli dolorosi o sull'occlusione di tubuli aperti, al fine di bloccare il meccanismo idrodinamico. L'occlusione dentinale forte ed efficace offre le migliori prospettive per un sollievo istantaneo e duraturo dall'ipersensibilità dentinale. In particolare i materiali che possono rivestire le superfici dentinali esposte, oltre a tappare e sigillare i tubuli dentinali aperti, offrono un'interessante prospettiva per rafforzare la dentina e renderla meno suscettibile ai fattori predisponenti, riducendo allo stesso tempo l'ipersensibilità dentinale. Per i medici un'importante conseguenza della definizione di ipersensibilità dentinale è che occorre prestare particolare attenzione quando si effettua la diagnosi differenziale per escludere tutti gli altri difetti o malattie dentali che possono causare presentazioni simili di dolore dentale.

Il dolore più frequentemente avvertito a causa dell'ipersensibilità dentinale è caratterizzato da un episodio di dolore acuto, di rapida insorgenza e di breve durata (secondi o minuti), questo è associato a risposte dell'A- fibre nervose beta e A-delta agli stimoli. Attualmente la teoria idrodinamica è accettata come il meccanismo attraverso il quale si verifica l'ipersensibilità dentinale. Questa teoria suggerisce che l'ipersensibilità denti è il risultato del movimento del fluido all'interno dei tubuli dentinali. La maggior parte degli stimoli dolorosi più fastidiosi, in particolare gli stimoli di aria fredda e pressurizzata, causano una perdita di liquido dentinale. Ciò produce un cambiamento di pressione attraverso la dentina che, attraverso una risposta dei meccanocettori, attiva le fibre nervose intradentali e provoca dolore. Inoltre, il movimento del fluido nei tubuli può produrre una scarica elettrica nota come "potenziale di flusso", che può contribuire stimolando elettricamente una risposta nervosa. Al contrario, il calore produce un rinculo relativamente lento del liquido dentinale e le variazioni di pressione risultanti attivano le fibre nervose in modo meno drammatico.
Ipersensibilità denti