coppia abbracciata

Check up dei denti in omaggio!

Ritrova il sorriso con Dentalpharma!

MAGGIORI INFO

Preparazione faccette dentali

Preparazione faccette dentali
A causa della grande accettazione delle faccette in porcellana per la riabilitazione estetica e funzionale del paziente nel settore anteriore superiore, è importante sapere quale tipo di preparazione faccette dentali eseguire, poiché il completamento palatale influenza la sopravvivenza di questi restauri, nonché la struttura del residuo dentale.

La letteratura descrive tre tipi di preparazione faccette dentali, tipo "finestra" o "intrasmalto", il tipo di preparazione "bordo piumato" o "riduzione incisale" e la "sovrapposizione incisale" o preparazione del lembo incisale che, oltre all'usura vestibolare e alla riduzione incisale, ha una preparazione che permette di raggiungere una preparazione incisale totale di 2 mm.

Secondo gli articoli recensiti, si suggerisce che la preparazione faccette dentali più favorevole che indica il più alto tasso di sopravvivenza a lungo termine sia la "sovrapposizione incisale", perché favorisce la ritenzione dell'impiallacciatura e la distribuzione omogenea delle forze occlusive. È importante considerare che il mantenimento dell'integrità della restante struttura dentale in bocca è lo scopo di ogni trattamento protesico, ed è per questo motivo che le faccette in porcellana anteriore sono considerate un'alternativa al trattamento conservativo non solo a fini estetici, ma anche per ristabilire la funzione.

L'idea emersa dal Dr. Charles Pincus nel 1938, noto per essere legata all'industria cinematografica di quel tempo, era di dare agli artisti un sorriso bello ed estetico durante le riprese dei loro film, per questo motivo ha sviluppato sottili fogli di acrilico che sono stati temporaneamente fissati nei denti anteriori senza preparazioni per mezzo di polveri adesive per protesi totali, e quindi queste hanno dovuto essere rimosse dopo ogni ripresa poiché in quel momento non esisteva un sistema adesivo per trattenerle permanentemente.

Sebbene il risultato estetico sia stato molto buono, questa tecnica di ottenere faccette dentali presentava molti limiti e impedimenti, soprattutto parlando del problema dell'adesione quindi, a poco a poco, cadde in disuso.

Tuttavia, grazie all'avanzamento e allo sviluppo di materiali ceramici per la realizzazione di questi laminati, nonché alla tecnica di attacco con acido, sviluppata nel 1955 e all'introduzione delle resine Bis-GMA di Bowen nel 1963, inizio una nuova era in Odontoiatria.

Nel 1975 Rochette fu il primo a proporre l'uso di restauri in porcellana incollati ai denti anteriori. La sua tecnica nella preparazione faccette dentali era l'attacco acido del restauro e il posizionamento dell'adesivo sulla superficie dentale, usando una resina come cemento e questa era la base per lo sviluppo delle attuali tecniche adesive per i restauri in porcellana; ecco come sono nate le impiallacciature laminate di porcellana.

Successivamente, altri numerosi esperti hanno documentato tecniche di trattamento superficiale e di adesione della ceramica, che hanno infine dimostrato che è possibile ottenere una buona adesione delle faccette in porcellana alla struttura dentale mediante incisione con acido fluoridrico, silanizzazione dell'impiallacciatura di porcellana e l'uso di un cemento resinoso.

Con l'uso di queste procedure di preparazione faccette dentali è possibile raggiungere un'estetica elevata e riabilitare la funzione nel settore anteriore superiore.

Le faccette in porcellana, anche conosciute come laminati ceramici, sono strutture ceramiche con eccellenti caratteristiche chimiche e fisiche, associate adesivamente alle strutture dentali, fornendo così una protezione meccanica reciproca tra il dente e il restauro.

L'obiettivo che viene attribuito a un'impiallacciatura di porcellana dal punto di vista estetico è quello di raggiungere un'armonia nel sorriso e quindi di ottenere che il paziente raggiunga la fiducia in se stesso e lo sviluppo della sua personalità; oltre al recupero della funzione e alla possibilità di fornire la lunghezza adeguata dei denti anteriori.

Le faccette, inoltre, sono un'alternativa protesica conservativa poiché evitano l'eccessiva usura dei denti rispetto alla riduzione realizzata per una corona convenzionale, mantenendo così una buona parte della struttura dentale, rimuovendo solo tra il 3% e il 30% della struttura totale del dente.

Il successo delle faccette in porcellana è stato riportato nel 93% dei casi dopo 15 anni, ed è determinato dalla resistenza e dalla durata dell'adesione ottenuta dalla superficie del dente trattata, dal cemento resinoso e dalla faccetta in porcellana, nonché da altri fattori che aiutano a migliorare il suo comportamento meccanico, come la progettazione appropriata della preparazione faccette dentali e la conservazione della struttura dentale rimanente; i suoi vantaggi sono il suo grande aspetto estetico, la sua comprovata biocompatibilità e la sua prevedibilità a lungo termine; tuttavia, i difetti più comuni associati alle faccette sono la frattura e la decementazione, con il margine gengivale e l'area incisale che rappresentano le aree più colpite.

Preparazione faccette dentali: indicazioni e controindicazioni

Le faccette in porcellana offrono soluzioni conservative ed esteticamente accettabili per situazioni cliniche come oscuramento moderato, ipoplasia e malformazioni dello smalto, chiusura del diastema, lievi malposizioni dentali che non richiedono un trattamento ortodontico, sostituzione di restauri antiestetici precedenti, usura dentale fisiologica per età. Sono invece controindicate in caso di quantità insufficiente di smalto, abitudini orali che non possono essere controllate e un'occlusione sfavorevole come morsi incrociati a causa di stress eccessivo durante la funzione.

Preparazione dell'impiallacciatura delle faccette dentali

Inizialmente, queste impiallacciature venivano posizionate sui denti senza alcuna preparazione faccette dentali. I progressi nelle tecniche adesive hanno però contribuito a migliorare la forza adesiva tra la faccetta e il dente, ma è stato osservato che le fratture ceramiche si sono generalmente verificate sul bordo incisale a causa del grande stress in quella zona. Per questo motivo, nonostante non sia stato raggiunto un consenso sul fatto di preparare il dente o di non ricevere una faccetta, sono state raccomandate le preparazioni più conservative e anche alcuni autori suggeriscono di non eseguire la preparazione della superficie del dente. Tuttavia, si è sempre ritenuto che uno smusso palatinale fosse necessario per fornire una maggiore resistenza alle faccette e persino gli studi attuali affermano che la riduzione dello smalto è necessaria per migliorare l'adesione, ma tenendo conto che questa preparazione non dovrebbe andare oltre la superficie dello smalto.

La maggior parte dei denti che riceveranno un'impiallacciatura di porcellana deve avere la rimozione dello smalto dalla faccia vestibolare, di solito circa 0,5 mm, che consente e fornisce lo spessore minimo della futura impiallacciatura. Alcuni studiosi affermano che la quantità ottimale di rimozione dello smalto da eseguire è di 0,75 mm, tuttavia, secondo altri esperti del settore, questa riduzione della parte gengivale dell'aspetto vestibolare dei denti anteriori non può essere raggiunta senza aver già raggiunto la dentina. La preparazione faccette dentali ha lo scopo di controllare l'over contouring, distribuire lo stress e facilitare l'esecuzione della tecnica.

Preparazione di tipo "finestra" o preparazione intra-smalto

Questa preparazione è indicata nei casi con lieve alterazione del colore, l'usura è sulla faccia vestibolare ed è tra gli 0,3 mm e gli 0, 5 mm, approssimativamente e nel modo più uniforme possibile. Non viene eseguita alcuna riduzione del bordo incisale. Il suo vantaggio è il buon mimetismo con la struttura dentale ed evita il sovraccarico del restauro. Studi in vitro sull'analisi degli elementi finiti mostrano che questo tipo di preparazione si comporta come un dente anteriore prima dei carichi.

Preparazione del tipo "bordo piumato" o con riduzione incisale

Anche l'usura vestibolare va da 0,3 mm a 0,5 mm. L'usura incisale è di 1 mm, come una piccola smussatura. Si tratta di un design funzionale poiché è indicato quando l'area incisale del dente deve essere allungata, tuttavia, questo allungamento non dovrebbe essere maggiore di 2 mm perché creerebbe un effetto leva. Secondo alcuni studi in vitro, lo stress aggiuntivo può concentrarsi sulla interfaccia di restaurazione del dente, ecco perché è necessario per verificare l'occlusione prima della preparazione.

Preparazione del tipo "sovrapposizione incisale" o "lembo incisale"

Allo stesso modo, la riduzione vestibolare è nell'intervallo da 0,3 mm a 0,5 mm. La riduzione incisale è di 1 mm di lunghezza e 1 mm verso il palato, creando uno smussamento palatale o un lembo incisale di 2 mm. Questo design è il migliore secondo la maggior parte degli studi, poiché mostra una maggiore resistenza alle fratture grazie al lembo incisale, che gli dà più supporto dentale e una migliore distribuzione del carico ed è quindi decisamente indicato.

Attualmente, non esiste consenso in letteratura su una preparazione adeguata per le faccette. Le diverse situazioni cliniche che i pazienti presentano, anche se questi denti mostrano già l'usura, influenzano la decisione di ridurre o non ridurre il bordo incisale, essendo questa una delle possibili variabili che influenzano il successo dei restauri in ceramica.

Gli studi in vitro valutano lo stress dinamico e lo stress fotoelastico bidimensionale, dimostrando che la preparazione faccette dentali del tipo di sovrapposizione è più favorevole a causa della distribuzione della forza occlusale su una superficie più ampia, riducendo così la concentrazione dello stress tra la faccetta e il dente.
Preparazione faccette dentali