coppia abbracciata

Check up ai denti in omaggio!

Approfittane subito!

RICHIEDI INFO

Bolla sul palato

La maggior parte delle infezioni della bocca sono causate da microrganismi. Ad esempio, alcune condizioni predispongono a queste infezioni, come stati di immunodeficienza acquisita o secondari a malattie sistemiche o infezioni virali. Capita a tutti una volta o più nella vita di dover fare i conti con una bolla sul palato più o meno fastidiosa e dolorosa. In questi casi è bene sapere quali sono le cause e i possibili rischi così da sapere cosa fare. Classicamente, una persona sottoposta a stress prolungato, ad esempio una persona che mangia male o che lavora sotto stimoli continui di emergenza, può sviluppare lesioni orali. Allo stesso modo, i pazienti con sindrome da immunodeficienza possono soffrire di bolla sul palato.

La candidosi orale può essere facilmente trattata con la somministrazione di antimicotici topici o sistemici, compresa la nistatina sotto forma di compresse o tappi vaginali, clotrimazolo (risciacquo della bocca), fluconazolo e ketoconazolo. Sebbene la maggior parte delle lesioni orali dell'infezione da HIV siano presenti anche nella popolazione generale, sia la leucoplachia pelosa che la malattia parodontale necrotizzante ulcerosa sono strettamente associate all'infezione da HIV e sono osservate molto raramente in altre condizioni.

Inoltre una bolla sul palato potrebbe anche essere di natura cancerosa, per questo motivo se si nota qualcosa di strano in questa bolla (come difficoltà di guarigione o tessuti che circondano la bolla poco sani) bisognerebbe contattare subito il proprio medico di base. Dunque vediamo insieme quali sono le cause più comuni di una bolla sul palato e quali rimedi adottare.

Bolla sul palato: le cause

La comparsa di una bolla di pus sul palato non va mai sottovalutata e dovrebbe essere un ottimo motivo per fissare una visita dal dentista. La bolla sul palato può essere di diverse tipologie che vanno dall’infezione fino alla malattia sistemica o a una reazione allergica. Uno dei motivi che possono spiegare la comparsa di una bolla bianca sul palato potrebbe essere una patologia che comporta la riduzione della saliva in bocca. La saliva infatti aiuta a proteggere le mucose che rivestono la bocca, ne consegue che se la secrezione di saliva diminuisce aumenta anche il rischio di una bolla sul palato. Tra le cause più comuni di afte e di bolla sul palato abbiamo la stomatite aftosa ricorrente, infezioni virali, lesioni o irritazioni da alimenti, infezioni batteriche o fungine, uso di tabacco e patologie sistemiche. Il palato è la parete superiore e interna della nostra bocca. È costituito da ossa e ricoperto da una mucosa spessa e striata. Il palato è pieno di ghiandole salivari, nervi e vasi, quindi bisognerebbe prestare particolare attenzione quando si nota una bolla sul palato. Qualora dovesse capitare di individuare una bolla sul palato bisognerebbe andare dal proprio dentista di fiducia il prima possibile. Lo specialista eseguirà un esame clinico per osservare nel dettaglio natura e forma della bolla sul palato ed eseguirà anche tutti gli esami complementari necessari per giungere ad una corretta diagnosi.

Le diverse tipologie di bolla sul palato

La comparsa di una bolla di sangue sul palato o di una bolla dura sul palato dovrebbe subito accendere un campanello d’allarme. Abbiamo detto che esistono diverse tipologie di bolle o afte sul palato che cambiano per forma, colore, consistenza e posizione. Ad esempio in alcuni casi si osserva un toro palatino, ovvero lo sviluppo di una protuberanza ossea nella zona del palato. Di solito è provocata da cause genetiche e molti pazienti non si rendono conto di averlo perché è completamente asintomatico e indolore. Abbiamo poi l’ascesso o cisti odontogena, una piccola bolla sul palato o infiammazione che si trova sul palato proprio vicino a un dente. Queste bolle sul palato appaiono come causa di una patologia che colpisce i denti vicini; da qui l’infezione si diffonde anche sulla mucosa palatale. Un’altra tipologia di bolla sul palato è il cosiddetto granuloma piogenico che compare soprattutto nelle donne in gravidanza proprio al centro del palato. Si tratta in questo caso di una bolla rosa, morbida e di consistenza fine, che se irritata può causare sanguinamento. Il rimedio in questi casi è quello di un lieve intervento chirurgico di escissione. La cisti mucosa o mucocele invece si genera dall'accumulo di muco o dall'alterazione delle ghiandole salivari del palato. È un nodulo morbido e infiammato con crescita molto lenta, che scompare anche da solo. Non provoca dolore, ma se non dovesse guarire entro poco tempo dovrà essere rimosso con un piccolo intervento chirurgico. Infine un’altra possibile tipologia di bolla in bocca è l’adenoma delle ghiandole salivari pleomorfe, un tumore benigno delle ghiandole salivari, cioè un nodulo circondato da mucosa normalmente situata ai lati della linea mediana del palato. Di solito è indolore e con una crescita a lungo termine, che passa inosservato per molti anni se non viene diagnosticato prima.

Bolla sul palato: rimedi

Come già detto nel paragrafo precedente ci sono molte tipologie diverse di bolla sul palato e anche i possibili rimedi cambiano a seconda dei casi. Nei casi di lieve entità la bolla sul palato potrebbe guarire da sola ma sarà comunque sempre il dentista a indicare la terapia giusta. Per quanto riguarda ascessi e cisti ad esempio il dentista potrebbe consigliare una terapia antibiotica o l’estrazione del dente. Nel caso
di un toro palatino asintomatico che non interferisce con altri tipi di trattamento come le protesi, di solito si preferisce non eseguire alcun intervento.
Bolla sul palato