coppia abbracciata

Check up ai denti in omaggio!

Approfittane subito!

RICHIEDI INFO

Gengive malate

Gengive malate
Le gengive malate rappresentano un potenziale rischio per la salute e quindi vale la pena sottolineare l’importanza della prevenzione per evitare che un problema lieve si trasformi in qualcosa di più grave come una malattia paradontale. Il dentista sa come curare gengive malate e si metterà a disposizione dei pazienti per capire il modo migliore di procedere a seconda dei casi. Anche per questo è importante puntare sulla prevenzione e quindi sull’avere una buona igiene orale quotidiana che comprenda spazzolino, filo interdentale e collutorio. È molto comune che i pazienti si presentino presso il loro studio dentistico di fiducia lamentando sintomi come disagio, sensibilità al freddo, denti più lunghi o in movimento, cattivo odore, più spazio tra i denti e così via. Solo la presenza di uno di questi sintomi indica che c'è un problema gengivale che non è stato trattato. Nei prossimi paragrafi parleremo nel dettaglio dei rischi collegati alle gengive malate e dei possibili rimedi. In caso di gengive malate foto e visita serviranno al dentista per capire la gravità della patologia e scegliere le terapie più adeguate.

Gengive malate: possibili cause

Una delle cause principali di gengive malate è sicuramente la scarsa igiene orale. Molti si lavano i denti poco e male con il risultato che la placca batterica si accumula fino a diventare tartaro non più rimovibile con l’uso dello spazzolino. La prima fase delle gengive malate è la gengivite, una patologia ancora reversibile se presa per tempo. Se non curata, la gengivite si trasforma in parodontite e colpisce quindi anche l’osso causando il deterioramento dei tessuti che circondano il dente. Con la parodontite si avranno anche sintomi come infiammazione e sanguinamento, retrazione, fastidio, mobilità, sensazione di denti lunghi, ipersensibilità, alitosi e ascessi. Per evitare le conseguenze negative delle gengive malate occorre quindi dedicare tempo e attenzione alla routine di igiene orale quotidiana e sottoporsi a una seduta di igiene orale professionale almeno una volta all’anno. Alcuni di questi sintomi possono essere presenti in bocca per un breve o lungo periodo. La maggior parte dei pazienti colpiti da parodontite si vedono prescrivere un collutorio, un dentifricio o un antibiotico. Tutti questi casi devono essere trattati dallo specialista delle gengive (parodontologo) per ripristinare la salute della bocca. I trattamenti gengivali sono semplici, indolori e poco costosi. Consistono in diverse fasi a seconda della gravità del problema collegato alle gengive malate. Ci sono casi lievi o iniziali di gengivite e/o parodontite che dopo la diagnosi si risolvono solo con un trattamento di base e casi moderati o avanzati che richiedono più dedizione da parte del professionista. Senza dimenticare che la cosa più importante è la prevenzione con corrette abitudini igieniche quotidiane e visite periodiche dal dentista.

Gengive malate rimedi

Nei casi in cui i pazienti si presentano con parodontite molto avanzata i denti vengono estratti con tecniche minimamente invasive e preservano la massima quantità e qualità di osso per il successivo posizionamento di impianti dentali. Le gengive gonfie possono essere fastidiose e possono essere un segno di malattie gengivali. Nei pazienti fumatori dobbiamo essere molto vigili poiché tutti i possibili sintomi premonitori sono mimetizzati e non sono percepibili fino a quando la malattia gengivale non è molto avanzata. Quando pensiamo alla salute orale normalmente pensiamo solo ai denti. Tuttavia è importante non dimenticare la cura delle gengive malate. In generale le gengive sane non sanguinano e sono di colore rosa pallido. Invece le gengive malate e infiammate sono di colore rosso scuro e sono morbide e tenere. Inoltre sanguinano facilmente e possono emanare un odore sgradevole. Nella prima visita il team medico dello studio odontoiatrico valuterà attentamente il caso ed effettuerà gli esami pertinenti per offrire una diagnosi corretta. Il problema parodontale viene trattato inizialmente mediante desquamazione e levigatura accompagnata da una corretta igiene orale. L'esame parodontale è una parte essenziale del trattamento delle gengive malate e infiammate.

Rivela la gravità e l'estensione della malattia parodontale, facilita la diagnosi e la prognosi e consente la definizione del piano di trattamento appropriato. Inoltre permette al dentista di avere dati per valutare l'evoluzione e per rivalutare lo stato dei denti del paziente. Dopo aver effettuato la visita parodontale lo specialista potrà procedere alla pianificazione del trattamento in base alle caratteristiche del paziente. Per fare l'esame viene utilizzata una sonda parodontale, un piccolo strumento dentale che viene utilizzato per calcolare il solco o lo spazio tra i denti, le gengive e le ossa. Questo strumento aiuta a sapere se le tasche parodontali misurano più di quanto raccomandato. La profondità di un solco gengivale sano non supera i 3 mm e non sanguina. Una volta effettuata la diagnosi il dentista sarà in grado di offrire il trattamento più indicato e adeguato. Ci sono una serie di fattori che contribuiscono alla comparsa delle gengive infiammate come ad esempio l’abitudine al fumo. Il fumo è uno dei fattori di rischio più significativi associati allo sviluppo di malattie gengivali. Le persone con diabete sono a maggior rischio di sviluppare infezioni in generale, comprese le gengive malate.
Gengive malate