coppia abbracciata

Check up ai denti in omaggio!

Approfittane subito!

RICHIEDI INFO

Gengive ritirate farmaci

Gengive ritirate farmaci
In caso di gengive ritirate farmaci più o meno efficaci possono aiutare nella guarigione. Se si nota spesso un arrossamento gengivale potremmo essere di fronte a un caso di gengive ritirate, una patologia in cui le gengive gradualmente si spostano. Per fortuna è un problema che potrebbe essere adeguatamente curato dallo specialista che potrà anche consigliare un farmaco per gengive ritirate. Per prevenire ogni tipo di complicazione come le gengive ritirate si consiglia di adottare sempre una corretta routine di igiene orale quotidiana e di imparare a utilizzare anche il filo interdentale. Nei prossimi paragrafi parleremo del farmaco per dolore denti da gengive irritate, delle cause e dei possibili rimedi. Come vedremo in caso di gengive ritirate farmaci possono essere più o meno efficaci.

Recessione gengivale: di che si tratta

La recessione gengivale è piuttosto comune nelle persone e si tratta di una condizione reversibile spesso sottovalutata. Questa patologia riguarda il cavo orale e le gengive che tendono a ritirarsi sempre di più. Nelle prime fasi è difficile diagnosticare questo problema in quanto si presenta in modo graduale. Bisognerà quindi prestare la massima attenzione a eventuali sintomi così da andare per tempo dal dentista. Quando si soffre di rescissione gengivale si ha la sensazione che i denti siano più lunghi ma, in realtà, questa è una conseguenza del cambiamento della posizione delle gengive. Le gengive che si ritirano lasciano infatti scoperta una parte del dente e per questo si parla di recessione gengivale. Con le gengive ritirate farmaci e cure possono essere molto efficaci ma sarà importante andare dal dentista il prima possibile. Non solo, a recessione gengivale non danneggia solamente l’estetica ma espone anche la radice dei denti, specialmente canini e premolari. La radice dei denti è esposta quindi all’azione batterica e crea dei problemi di natura estetica al sorriso favorendo la sensibilità dentinale e l’alito cattivo oppure favorendo persino conseguenze ancora peggiori come eventuali danni allo smalto superficiale o mobilità dei denti con presenza di pus e sangue. La recessione delle gengive è una condizione riconoscibile molto facilmente dal dentista ma che non si presenta mai all’improvviso.

Sintomi di recessione gengivale

Con le gengive che si ritirano farmaci e rimedi possono essere efficaci ma sarà importante andare subito dal dentista e quindi saper riconoscere tutti i sintomi di recessione gengivale. Tra questi sintomi che dovrebbero subito preoccuparci abbiamo la formazione di spazi vuoti tra i denti, l’arretramento della gengiva o delle gengive, ipersensibilità a denti e radice, alito cattivo e gengive gonfie. Si tratta di sintomi piuttosto frequenti di recessione gengivale anche se il più presente è sicuramente l’arretramento della gengiva che infatti definisce la condizione stessa. In odontoiatria si parla di gengive ritirate per indicare quella condizione patologia che provoca spostamento o arretramento della gengiva dalla sede originaria verso il margine superiore del dente. Insomma, quando abbiamo il problema delle gengive ritirate si creano degli spazi vuoti tra denti e linea gengivale anche dette tasche parodontali. Queste cavità facilitano la formazione e la proliferazione di batteri e possono provocare conseguenze anche piuttosto gravi. Se non curiamo la recessione gengivale in modo adeguato questa potrebbe danneggiare anche in modo permanente le ossa dentali fino a causare la caduta dei denti. Ci sono anche determinati farmaci provocano ritiro gengive infatti si consiglia di seguire alla lettera sempre le indicazioni del dentista. In caso di gengive ritirate farmaci e rimedi dovranno comunque essere decisi dal dentista.

Gengive ritirate come prima con farmaci

Oltre a prendersi cura della propria igiene orale si raccomanda di scegliere un dentifricio adatto, di non fumare o masticare tabacco. Con le gengive ritirate farmaci come un collutorio a base di clorexidina possono velocizzare la guarigione e si raccomanda anche di evitare per quanto possibile cibi zuccherati. Con le gengive ritirate farmaci e trattamenti sono efficaci ma occorre puntare più sulla prevenzione per scongiurare diverse malattie e patologie e preservare al meglio la salute del cavo orale. Sarebbe meglio preferire uno spazzolino a setole morbide e pulire i denti con delicatezza cercando di evitare movimenti troppo energici che potrebbero recare fastidio o irritazione alle gengive. Si raccomanda anche di preferire i dentifrici che sono ricchi di fluoro ed evitare quelli sbiancanti che potrebbero aumentare la sensibilità dentale. I prodotti sbiancanti infatti potrebbero provocare un aumento consistente della sensibilità dei denti. Inoltre con le gengive ritirate farmaci e terapie potrebbero non essere efficaci e dunque si dovrà andare ad eliminare la causa. La terapia della recessione è chirurgica e consiste nello spostare i tessuti verso il margine incisale dei denti così da coprire la recessione e, ove necessario, andare anche ad aumentare lo spessore delle gengive per evitare recidive. In questo caso si parla comunque di una chirurgia plastica gengivale a tutti gli effetti. L’intervento si svolge in ambito ambulatoriale e richiede strumenti adatti alla microchirurgia. L’intervento di solito ha una durata che non supera i 90 minuti a seconda del numero di recessioni gengivali che si intendono trattare.
Gengive ritirate farmaci