coppia abbracciata

Check up ai denti in omaggio!

Approfittane subito!

RICHIEDI INFO

Infezione dente

Infezione dente
Dentisti, medici di medicina generale e medici di emergenza ricevono spesso richieste di consultazioni per problemi dentali, ma spesso hanno poca o nessuna formazione in materia. L'infezione dente acuta di solito si verifica quando i batteri invadono la polpa dentale (nervo), ma si diffonde anche nei tessuti circostanti il dente. Purtroppo l’infezione dente potrebbe diffondersi anche nelle aree circostanti causando delle infezioni gravi soprattutto in determinate categorie di pazienti.

Cos'è l'infezione dentale?

Il dente è composto da una corona visibile composta da dentina e smalto e una radice, composta da dentina. Il suo interno è un morbido tessuto fibroso chiamato polpa dentale. Gli ascessi dentali acuti si verificano a seguito dell'invasione batterica dello spazio della polpa. Inoltre, la condizione è scatenata da carie avanzate, da un'infezione cronica avanzata delle strutture di supporto del dente (parodontite) o da traumi. L'infezione può essere limitata allo spazio della polpa o all'area periapicale del dente interessato, o estendersi all'osso dentoalveolare circostante. Gli ascessi dentali possono anche verificarsi in denti parzialmente fuoriusciti (pericoronarite). Ciò colpisce più frequentemente i terzi molari, noti anche come denti del giudizio. L’infezione ai denti colpisce la polpa dentale causando dolore e, secondo alcune stime, si valuta che circa il 90% delle persone al mondo abbia avuto problemi in qualche modo collegabili al mal di denti o alle carie. Sebbene la carie dentaria sia un grave problema nei paesi in via di sviluppo, colpisce anche le persone nei paesi con sistemi sanitari ben sviluppati.

Uno studio trasversale ha scoperto che il 2% degli adulti nel Regno Unito presentava segni di infezione dentale con interessamento osseo. Anche i pazienti immunodepressi, come le persone con diabete scarsamente controllato e gli anziani, sono a rischio di diffusione delle infezioni più gravi. In un piccolo studio retrospettivo in Finlandia e in uno studio più ampio a Taiwan, i pazienti con compromissione medica con infezioni dentali avevano un maggiore rischio di complicanze sistemiche rispetto ai pazienti con infezioni dentali precedentemente già curate. Insomma l’infezione dente non andrebbe mai sottovalutata, al contrario il consiglio è quello di affrontarla il prima possibile anche grazie al supporto di uno specialista di comprovata esperienza. I batteri comunemente isolati nelle infezioni dentali comprendono una miscela di streptococchi orali, in particolare il gruppo Streptococcus anginosus (comunemente denominato streptococchi di gruppo "milleri") e anaerobi rigorosi, come anaerobici e streptococchi, e le specie Prevotella e Fusobacterium. In generale, questi ceppi sono generalmente sensibili agli antibiotici comunemente usati (amoxicillina o eritromicina).

Infezione dente: può essere prevenuta?

La maggior parte degli ascessi dentali è secondaria alla carie e quindi può essere ampiamente evitata se si seguono le raccomandazioni di base per la salute orale. Ecco quindi che è importante avere una buona igiene orale e il consiglio in caso di infezione al dente è quello di ascoltare con la massima attenzione i consigli forniti dallo specialista. Nel caso dell’infezione dente è importante agire tempestivamente così da risolvere il problema senza strascichi e in modo definitivo.

Quali sono i segni e i sintomi dell'infezione dentale localizzata?

In caso di infezione dente in atto i pazienti possono soffrire di limitazione dell’apertura orale, di disfagia o di disagio sistemico che richiede delle cure mediche immediate. Un esempio di una possibile infezione dente purtroppo molto diffusa è la pulpite, una malattia infiammatoria della polpa che viene solitamente causata dalla carie o da un riempimento insufficiente. La pulpite è caratterizzata da un forte dolore alla bocca e alla mascella che viene alimentato dal freddo e dal caldo intenso. In un secondo momento con la pulpite il paziente sente un dolore intenso quando morde che può irradiarsi fino all’orecchio. Fondamentalmente, non c'è infezione batterica del tessuto circostante, né gonfiore o suppurazione. L'infezione non si combatte con gli antibiotici e l'analgesia è spesso inefficace. Questa condizione richiede l'intervento del dentista.

Un altro tipo di infezione dente è quello derivante dai disturbi temporomandibolari. Il dolore causato da problemi dell'articolazione temporo-mandibolare è generalmente sordo, scarsamente localizzato e intensificato dal movimento mandibolare. I pazienti in queste situazioni possono avere l'abitudine di serrare o digrignare i denti. Sempre parlando delle diverse tipologie di infezione dente possiamo citare anche la sinusite. In alcuni casi infatti i pazienti che soffrono di questo disturbo possono subire anche un forte dolore dentale che potrebbe complicare la diagnosi. Con la sinusite semplice il dolore si accompagna di solito al mal di testa. In questo caso si dovrebbe procedere a un esame dentale così da escludere malattie dentali che possono coincidere con i sintomi della sinusite. La parotite invece è una infezione della ghiandola salivare parotide. Tra le cause di una infezione ai denti dobbiamo poi citare anche i traumi dentali e maxillo-facciali che possono causare dolore e gonfiore.

Infezione dente: quali sono i sintomi?

Sebbene per definizione l'infezione dentale localizzata sia limitata alla bocca, può diffondersi ad altre aree della regione maxillo-facciale e oltre, attraverso i piani dei tessuti e il flusso sanguigno. La diffusione di un'infezione ai denti presenta gonfiore e dolore del viso. Possono anche essere presenti le caratteristiche dell'infezione dentale localizzata. Tra i sintomi che possiamo riconoscere dell’infezione dente possiamo citare il dolore a bocca e mascella, il gonfiore all’interno della bocca, i denti che si muovono, la sensibilità quando si morde e il dolore alla palpazione della gengiva.
Infezione dente