coppia abbracciata

Check up ai denti in omaggio!

Approfittane subito!

RICHIEDI INFO

Leucoplachia a chi rivolgersi

Leucoplachia a chi rivolgersi
Quando si pensa di avere la leucoplachia a chi rivolgersi? La leucoplachia è la lesione premaligna più comune del cavo orale. L'Organizzazione Mondiale della Sanità la definisce clinicamente come una lesione prevalentemente bianca della mucosa orale che non può essere caratterizzata come nessun'altra lesione nota e con un'elevata tendenza a svilupparsi in cancro orale. Il termine leucoplachia fu usato per la prima volta da E. Schwimmer alla fine del XIX secolo e deriva dalle parole greche "leuco" che significa bianco e "plakos" che significa placca. Nel 1978, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha cercato di concordare la terminologia utilizzata fino ad oggi e ha specificato la sua definizione come una macchia bianca che non può essere caratterizzata come un'altra entità clinica o patologica. La leucoplachia orale come lesione precancerosa, è stata definita a Uppsala nel 1994 da un gruppo di esperti in patologia orale, come una lesione prevalentemente bianca della mucosa orale che non può essere caratterizzata come nessun'altra lesione e che tende a alla trasformazione maligna.

Leucoplachia a chi rivolgersi medico: tutte le informazioni

Il fatto che alcuni carcinomi squamosi compaiano insieme a lesioni leucoplastiche e che la leucoplachia orale abbia subito nel tempo una trasformazione in lesioni cancerose è motivo sufficiente per considerare la leucoplachia orale come una lesione premaligna. L'incidenza della leucoplachia orale è stata valutata da studi che hanno chiarito come l’incidenza sia condizionata dall'età, dal sesso e dal vizio del fumo dei soggetti. Per quanto riguarda i dati di prevalenza della leucoplachia orale, riferiti ai casi identificati in una popolazione in un dato momento, esiste un accordo mondiale sui dati. Questi dati variano tra l'1% e il 5% a seconda del paese oggetto di studio, del tipo di popolazione, del tipo di abitudine al fumo e della definizione clinica di leucoplachia utilizzata. E’ importante sapere con la leucoplachia a chi rivolgersi e il primo step è sempre andare dal dentista per ricevere una diagnosi accurata in tempi rapidi. Nei paesi sviluppati, la leucoplachia sembra colpire individui tra la quarta e la settima decade di vita. Nei paesi in via di sviluppo, la comparsa di questo tipo di lesione è prevista tra 5-10 anni. La distribuzione per sesso varia a seconda della diversa distribuzione dell'abitudine al fumo, sebbene possa essere più frequente negli uomini che nelle donne. Molti si chiedono quale specialista cura la leucoplachia della lingua e la risposta è che sono i dentisti a fare la diagnosi. Di conseguenza bisognerà prevedere delle visite periodiche così da monitorare il cavo orale e individuare subito eventuali problemi come la leucoplachia. Con la leucoplachia a chi rivolgersi quindi se non al proprio dentista di fiducia?

Leucoplachia: le caratteristiche

La leucoplachia è una patologia che non deve essere sottovalutata per nessun motivo in quanto, nelle forme più gravi, potrebbe degenerare in un tumore. Sarebbe quindi meglio diagnosticare la leucoplachia in anticipo così da poterla curare con tempestività. Sapere con la leucoplachia a chi rivolgersi è importante in quanto parliamo di una patologia potenzialmente grave. Quando viene diagnosticata nelle fasi iniziali potrà essere curata provando ad eliminarne la causa. Nelle forme più gravi però questo potrebbe non bastare e quindi si dovrà valutare l’intervento chirurgico così da asportare la lesione in modo definitivo. Per evitare conseguenze negative si raccomanda perciò di sottoporsi con periodicità ai controlli specialistici in quanto capita abbastanza spesso che i pazienti non si accorgano di piccole lesioni. Sapere con la leucoplachia a chi rivolgersi può fare la differenza nell’ottica della guarigione e il dentista di fiducia saprà dare ulteriori consigli per prevenirne la formazione. In ogni caso è l’uso di alcol e tabacco una delle principali cause di leucoplachia così come le protesi incongrue come le protesi mobili con profili taglienti e denti scheggiati.

L'uso del tabacco è il fattore predisponente più comune allo sviluppo della leucoplachia orale, sebbene una piccola percentuale di essi non sia associata a una causa nota. Nei paesi in via di sviluppo il consumo di tabacco e noce di areca, insieme o in combinazione, sono i principali responsabili della maggior parte delle leucoplachie orali. L'importanza del consumo di alcol nell'eziologia della leucoplachia orale è controversa, anche se in molti casi non può essere studiata indipendentemente dal consumo di tabacco ma sembra avere un effetto sinergico con esso. Anche l'evidenza del ruolo del papillomavirus umano (HPV) nell'eziologia della leucoplachia orale è controversa. In un recente studio trasversale, l'HPV è stato riscontrato nel 20% della leucoplachia orale, sebbene la relazione causa-effetto non possa essere verificata con questo tipo di disegno di ricerca. Esistono due tipi principali di leucoplachia: omogenea e disomogenea. Queste due tipologie di leucoplachia sono ulteriormente suddivise in eritroleucoplachia, nodulare ed esofitica. La leucoplachia omogenea è una lesione prevalentemente bianca della mucosa orale, uniformemente piatta, di aspetto fine che può presentare crepe o fessure poco profonde e di consistenza non indurita. Al contrario, una leucoplachia disomogenea è una lesione prevalentemente bianca o rossa (eritroleucoplachia) con una superficie irregolare, nodulare o esofitica. Le leucoplachie omogenee sono di solito asintomatiche, al massimo il paziente di solito si lamenta di rugosità. La scoperta è solitamente accidentale, quindi il tempo di evoluzione della lesione in molti casi è incerto. Con la leucoplachia a chi rivolgersi quindi? Al proprio studio dentistico di fiducia dove, nei normali controlli periodici, lo specialista potrà subito diagnosticare questo disturbo.
Leucoplachia a chi rivolgersi